Smartphone scaccia-crisi: le vendite a +50%

PRIMO TRIMESTRE 2010

Nokia saldamente al comando anche nei telefonini intelligenti a spese di Rim che però entra nella top five dei principali vendor di handset. Il boom degli smartphone spinge l'industria dei cellulari fuori dalla recessione

di Patrizia Licata
Non finiscono le sorprese sul mercato globale dei telefonini. Com’è ormai noto, il segmento smartphone traina la crescita, ma attenzione: Nokia conserva indisturbata la leadership, anche nei cellulari intelligenti, e continua a guadagnare quote di mercato. A spese della canadese Rim, per esempio, che resta al secondo posto per vendite di smartphone, ma comincia ad accusare i colpi della concorrenza sempre più aggressiva della finlandese, nonché della popolarissima Apple. Tuttavia Rim avanza a passi da gigante sul mercato complessivo degli handset, dove ha determinato l’uscita di Motorola dalla classifica dei top 5.

Secondo l’ultimo studio di Strategy Analytics, le vendite globali di smartphone sono salite del 50% nel primo trimestre 2010, rispetto ai primi tre mesi del 2009, raggiungendo 54 milioni di unità. Gli smartphone distribuiti nel mondo rappresentano ormai il 18% del volume totale di telefonini. "Si tratta del periodo di crescita più forte degli ultimi tre anni”, sottolinea Tom Kang, director di Strategy Analytics; “il mercato ad alto valore dei cellulari intelligenti sta guidando l’industria degli handset fuori dalla recessione".

Le vendite sono favorite, tra l’altro, da una sana concorrenza sul mercato e dall’arrivo di un numero crescente di modelli a costi più abbordabili con sistema operativo Symbian o Android. Secondo Strategy Analytics, Nokia mantiene la leadership del settore (21,5 milioni di smartphone distribuiti nel Q1, il 57% in più rispetto al primo trimestre 2009). Il colosso finlandese controlla nel primo trimestre 2010 il 40% del settore mondiale degli smartphone, in crescita rispetto al 38% di un anno fa.

Rim occupa il secondo posto, con 10,6 milioni di smartphone commercializzati nel Q1 2010, contro 7,3 milioni di un anno prima, ma il market share è sceso dal 20,3% al 19,7%. "Rim è ormai il maggior mobile device vendor nordamericano, ha superato Apple e Motorola, ma il suo tasso di crescita annuale ha rallentato e il nuovo sistema operativo BlackBerry OS 6.0, atteso nel terzo trimestre dell’anno, è un upgrade quanto mai necessario”, sottolinea Strategy Analytics.

Molto migliori i risultati della Apple, che nel primo trimestre 2010 ha commercializzato 8,8 milioni di iPhone, contro 3,8 milioni nel Q1 2009, portando il suo share di mercato dal 10,6% al 16,4%. Scende la quota degli altri vendor di smartphone, dal 30,9% al 23,8%. Attenzione però all’avanzata dei telefonini Android: in Uk, secondo dati GfK, le vendite nell’ultimo mese si sono moltiplicate per quattro e ormai quasi uno smartphone su cinque venduto in Gran Bretagna ha sistema operativo made in Google - grazie anche al gran numero di device Android entrati sul merato Uk negli ultimi mesi, come l’Htc Desire, o l’Htc Legend venduto da Vodafone. Sempre Vodafone sta iniziando in questi giorni le vendite di Nexus One.

“Nel prossimo futuro, alcuni produttori, come Nokia, cercheranno di catturare le fasce medie del mercato in Paesi emergenti come Cina e India”, secondo Strategy Analytics, “mentre altre case, come Motorola, si concentreranno sui mercati maturi, come gli Usa, proponendo nuovi servizi oltre l’Internet browsing e l’email, per esempio il video di alta qualità e la navigazione”.

Quanto al mercato complessivo dei cellulari, è proprio il boom del segmento smartphone nel primo trimestre (+50%) che ha spinto la Rim nella top five dei principali vendor. L’industria è stata dominata negli ultimi cinque anni, nell’ordine, da Nokia, Samsung, Lg Electronics, Motorola e SonyEricsson. Le difficoltà delle ultime due hanno permesso al produttore canadese, con 10,6 milioni di telefonini commercializzati nei primi tre mesi 2010, di sistemarsi al quarto posto della classifica, facendo uscire Motorola (8,5 milioni di telefonini venduti nel trimestre), mentre la joint-venture svedese-giapponese resta in quinta posizione con 10,5 milioni di unità. Intoccati i vertici della classifica: nei primi tre mesi di quest’anno Nokia ha consegnato 107,8 milioni di telefonini, Samsung è a quota 64,3 milioni ed Lg a 27,1 milioni.

"L’ingresso di Rim nella top 5 sottolinea il peso crescente del segmento smartphone nell’industria dei telefonini", sottolinea l’analista di Idc, Kevin Restivo. I produttori di handset in totale, secondo la società di ricerche, hanno immesso sul mercato 295 milioni di cellulari nel primo trimestre 2010, +21,7% rispetto a un anno fa. Per l’intero 2010 Idc mantiene la sua previsione di crescita dell’11% per il mercato complessivo.

03 Maggio 2010