Boom smartphone, Apple più forte a spese di Nokia

L'ANALISI

Le vendite di cellulari intelligenti balzano del 56,7% nel I trimestre. Lo share della Mela sale dal 10,9% al 16,1%. Nokia resta leader, ma stabile al 39,3%. Motorola passa dal 3,4% al 4,2%

di Patrizia Licata
Crescono a passi da gigante le vendite mondiali di smartphone e a guadagnare è soprattutto la Apple, che incrementa la sua quota di mercato a scapito di Nokia e Rim, secondo gli ultimi dati Idc.

La società di ricerche rileva che i vendor di tutto il mondo hanno commercializzato 54,7 milioni di smartphone nel primo trimestre 2010, con un incremento del 56,7% rispetto a un anno prima, un tasso di crescita molto più elevato del mercato complessivo degli handset (+21,7% nei primi tre mesi di quest'anno). Gli smartphone stanno anche diventando una porzione sempre più cospicua delle vendite totali di telefonini: nel primo trimestre 2009 rappresentavano il 14,4%, oggi sono il 18,8% .

Lo sviluppo del mercato degli smartphone è impressionante anche se messo a confronto con la crescita dell’ultimo trimestre 2009, tipicamente il più forte dell’anno: +38%. Questo significa, secondo Idc, che il settore ha un potenziale enorme. "Sembra che il 2010 sarà un altro anno di adozione su larga scala dei device mobili intelligenti da parte dei consumatori”, commenta Ramon Llamas, senior research analyst della divisione Mobile devices technology and trends di Idc. "I consumatori scelgono lo smartphone non solo perché è elegante e alla moda, ma perché offre un’esperienza sempre più rispondente ai loro gusti e richieste”. Piani tariffari meno cari e la ripresa economica globale continueranno a favorire il mercato, aggiunge Kevin Restivo, senior analyst del Worldwide mobile phone tracker di Idc.

A beneficiare del boom è oggi in primo luogo la casa produttrice della Mela col suo iPhone: secondo i dati Idc, il suo share sul mercato globale degli smartphone è salito nel primo trimestre 2010 al 16,1%, contro il 10,9% di un anno prima. Ciò è dovuto anche all’espansione della Apple in Cina e al modello iPhone 3G che ha un prezzo molto più abbordabile (99 dollari).

Al contrario la casa del BlackBerry ha perso quote di mercato, dal 20,9% al 19,4%, e Nokia, che pur resta leader, è stabile al 39,3%. Htc, numero quattro mondiale, ha visto salire il suo market share dal 4,3 al 4,8%; bene anche la Motorola, cresciuta dal 3,4 al 4,2%.

10 Maggio 2010