Vaticano ultrabroadband: via alla Ngn

PROGETTI

Previsto il collegamento in fibra ottica fra le 10 sedi extraterritoriali più importanti. Tre anni per rifare il look alla rete

di Mila Fiordalisi
Realizzare nell'arco di due-tre anni una collegamento in fibra ottica fra le dieci sedi extraterritoriali più importanti del Vaticano. Questo uno dei progetti di innovazione tecnologica che il Vaticano annuncerà ufficialmente domani durante la stipula di un accordo fra il cardinal Giovanni Lajolo, presidente del Governatorato della Città del Vaticano e l'amministratore delegato di Telecom, Franco Bernabè.

Sarà Telecom Italia a rifare il look dell'intera rete di Tlc della Santa Sede e a cablare fra gli altri le Ville Pontificie di Castel Gandolfo, la stazione radio di Santa Maria di Galeria e gli apparati della centrale telefonica. Obiettivo del progetti è adeguare la rete vaticana ai moderni standard qualitativi dell'Unione internazionale delle telecomunicazioni sulle reti di nuova generazione Ngn.

10 Maggio 2010