Nokia ristruttura ancora e rilancia sugli smartphone

STRATEGIE

Riorganizzazione in tre unit di cui una dedicata solo ai device di fascia alta. Esce dall'azienda il capo della divisione Mobile phones

di Patrizia Licata
Il futuro della crescita per i produttori di cellulari è negli apparecchi di fascia alta. Ne è convinta Nokia che è pronta a varare il suo secondo piano di ristrutturazione per competere ad armi pari con la concorrenza nel settore smartphone e mobile pc. Cuore della nuova strategia sarà la separazione delle sue attività in tre divisioni, mentre l’attuale direttore della unit Mobile phones, Rick Simonson (un tempo considerato candidato al ruolo di Ceo), lascerà l’azienda e passerà a Nokia siemens networks, prima come senior advisor, poi all’interno del cda.

La casa finlandese, cha resta il più grande produttore mondiale di handset e conserva la parte del leone anche nei device di fascia alta, ha un portafoglio smartphone poco convincente e sta perdenndo quote rispetto ai rivali più all’avanguardia. Tra questi, Apple con il suo iPhone continua a monopolizzare l’attenzione della scena mondiale ma anche gli altri player, dal produttore dei BlackBerry, la canadese Rim, a Samsung, Htc e Motorola, che stanno aggressivamente ampliando la loro offerta di telefoni Android, conquistano fasce sempre più ampie di consumatori.

In più ad aprile Nokia ha deluso le aspettative del pubblico e degli analisti annunciando, insieme ai risultati finanziari dei primi tre mesi del 2010, il rinvio al terzo trimestre del lancio della sua nuova piattaforma per smartphone Symbian 3 e ha anche abbassato l’outlook per il margine operativo dell’anno in corso. Secondo gli esperti, si tratta di segnali che indicano che l’azienda finlandese perde colpi nella serrata lotta sul campo degli smartphone.

"La nuova struttura organizzativa di Nokia è disegnata proprio per rendere più veloce le nostre operazioni e accelerare l’innovazione, sia su breve che su lungo periodo”, ha sottolineato Olli-Pekka Kallasvuo, presidente e Ceo di Nokia. Le tre nuove unit si chiameranno: Mobile solutions, Mobile phones e Markets. La prima si concentrerà sui terminali di fascia alta, non solo smartphone che girano su piattaforma Symbian ma anche computer mobili con sistema operativo MeeGo, e sarà guidata da Anssi Vanjoki. “Questa divisione dedicata ci permetterà di reagire più rapidamente alle opportunità di crescita del settore", ha chiarito Kallasvuo.

La unit Mobile phones si concentrerà invece sui cellulari di fascia medio-bassa e sarà affidata a Mary McDowell. Infine, la divisione Markets si occuperà delle strategie di commercializzazione, dalle vendite al marketing alla supply chain globale. La nuova organizzazione sarà effettiva dal primo luglio 2010.

12 Maggio 2010