Alcatel-Lucent raddoppia la velocità delle reti sottomarine

ULTRABROADBAND

Sfiorati i 3 Terabit al secondo con tecnologia a 40 Gb/s nel progetto portato avanti in collaborazione con Apollo Submarine Cable System

di Margherita Amore
Alcatel-Lucent sceglie la via del mare per raddoppiare la velocità delle reti esistenti, ormai prossime alla saturazione. Così annuncia un nuovo record di velocità di trasmissione su sistemi sottomarini realizzato in collaborazione con Apollo Submarine Cable System, uno dei maggiori operatori mondiali di sistemi di comunicazione ottici transatlantici.
La velocità e capacità trasmissiva raggiunte hanno sfiorato i 3 Terabit al secondo su una coppia in fibra su canali a 40 Gbit/s.

La dimostrazione è stata effettuata in occasione dell’esposizione SubOptic a Yokohama (Giappone) su canali da 40 Gbit/s utilizzando il cavo Apollo North, che collega su una distanza di 6.221 Km Stati Uniti e Gran Bretagna, quadruplicando l’originale capacità del sistema che prevede 72 canali a 40 Gbit/s, error free. Il test ha dimostrato per la prima volta su un sistema reale la possibilità di raddoppiare la capacità rispetto ai valori massimi ottenuti su canali da 10 Gbit/s.

“Gli operatori devono necessariamente aumentare la capacità delle loro reti sottomarine in fibra già esistenti - ha dichiarato Richard Elliott, direttore generale di Apollo -, poiché queste reti sono già vicine alla saturazione e le reti terrestri che ad esse si connettono incominciano a fornire velocità di 40 Gbit/s. Questi due fattori obbligano ad accrescere la capacità delle reti sottomarine, così da trasferire il traffico in modo omogeneo, senza colli di bottiglia e mantenendo la necessaria efficienza da un capo all’altro delle reti”.

Elliott ha quindi aggiunto: “La dimostrazione della tecnologia 40 Gbit/s sul sistema Apollo è una grande notizia per i nostri clienti. Abbiamo dimostrato che la rete di Apollo può supportare i tipi di interfaccia e gli elevati livelli di capacità richiesti dai nostri utilizzatori per il prossimo futuro”.
“Alcatel-Lucent ha posato reti sottomarine predisposte per i 40 Gbit/s negli ultimi anni, anticipando la tendenza di mercato che si sta ora consolidando, mentre gli operatori stanno esplorando tecnologie avanzate per la migrazione delle loro reti per la fornitura di servizi avanzati. Con questo test abbiamo realizzato un altro passo significativo per rendere i 40Gbit/s una pratica realtà - ha dichiarato Philippe Dumont, responsabile delle attività reti sottomarine di Alcatel-Lucent -. Le nostre soluzioni supportano la trasmissione dei segnali a 10 e a 40 Gbit/s, consentendo così un’economica migrazione senza dover ristrutturare la rete e massimizzando l’impiego delle infrastrutture in essere”.

Per questa sperimentazione è stato impiegato il terminale di linea sottomarino Alcatel-Lucent 1620 Light Manager con codifica in modulazione di fase (Psk- Phase Shift Keying) con un sistema di rilevazione coerente di nuova generazione operante sui 72 canali del sistema a 40 Gbit/s a pieno carico.

Il trattamento del segnale associato alla tecnologia coerente permetterà agli operatori di far fronte al degrado trasmissivo in modo economico e automatico, permettendo anche l’aggiustamento delle prestazioni durante la vita utile del sistema. Questa flessibilità nell’implementazione di diversi formati consente di offrire agli operatori la miglior scelta tecnologica per nuove installazioni e per le reti in essere che hanno necessità di evolvere verso più alte capacità, senza influire sul traffico e sul funzionamento della rete.

13 Maggio 2010