Il Vaticano spinge sull'Ict: nuovi servizi per telefonia e dati

ACCORDO CON VODAFONE

Siglato oggi un accordo triennale con Vodafone per la fornitura di 2mila utente mobili. Affidata a Telecom Italia la realizzazione della nuova rete in fibra ottica

di Mila Fiordalisi
Dopo l'accordo siglato nei giorni scorsi con Telecom Italia, il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano ha siglato oggi con Vodafone Italia un accordo per la gestione dei servizi di telefonia mobile.

Vodafone si è aggiudicata la gara indetta dal Governatorato con il quale ha stipulato un contratto di durata triennale. Contratto che prevede la fornitura di circa 2000 utenze.

L'accordo con Telecom Italia invece prevede la realizzazione di un'infrastruttura di comunicazione integrata in fibra ottica per la trasmissione di servizi di fonia, dati e video nell'ambito territoriale della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano. La nuova infrastruttura di rete "Full IP"in fibra ottica si estenderà su un totale di oltre 400 km consentendo collegamenti ad alta velocità a partire da 10 Gb/s tra la Santa Sede e le dieci sedi extraterritoriali del Vaticano situate a Roma e in zone limitrofe.

14 Maggio 2010