WiMax, Aria: "I comuni fanno ostruzionismo"

WiMax

Mario Citelli, Ad di Aria, unico provider italiano ad essersi aggiudicato la licenza per il WiMax sull’intero territorio nazionale, fa il punto sulla copertura del servizio. Tra ostacoli e imprevisti, inclusa la crisi economica, lo sviluppo del WiMax procede. Entro dicembre verranno realizzate 1000 “base stations”. Ma il business plan di Aria ha subito una riorganizzazione al ribasso e i tempi si allungano.

"Anche per quanto riguarda gli accordi con i Comuni - spiega Citelli al Corriere delle Comunicazioni - ci sono problemi di tipo economico e molto variegati. Ed ogni comune è un caso a sé. Alcuni non possono gestire i permessi, alcuni non hanno copertura economica e in altri sono i cittadini a non volere il WiMax per la questione delle onde elettromagnetiche".

Un esempio della difficoltà negli accordi con il territorio è la Toscana, "territorio molto sensibile al tema dell’inquinamento elettromagnetico".

Full story nel numero 8 del Corriere delle Comunicazioni in uscita il 20 aprile

10 Aprile 2009