Roma ultrabroadband: via ai servizi Telecom

LE NUOVE RETI

Coinvolte oltre 15mila unità immobiliari nel quartiere Prati. Belle Arti, Appia e Pontelungo le prossime tappe. Connessioni fino a 100 Mb al secondo. Intanto gli Olo scavano a Collina Fleming

di Enzo Lima
Mentre Vodafone, Fastweb e Wind lavorano al cablaggio di Collina Fleming per portare la banda ultralarga ai cittadini del quartiere entro il mese di luglio, Telecom Italia ha battezzato oggi i servizi ultrabroadband nel quartiere Prati.

Oltre 15 mila le unità immobiliari  raggiunte dalla rete in fibra e diventeranno oltre 80 mila entro l’anno interessando anche le zone servite dalle centrali di Belle Arti, Appia e Pontelungo. Nel biennio 2011/2012 la rete coprirà le principali aree di centrale all’interno del raccordo anulare e circa 350mila unità immobiliari saranno raggiunte dalla nuova rete in fibra.

A partire dalla prossima settimana un primo gruppo di clienti di Telecom Italia potrà iniziare a sperimentare connessioni fino a 100 Megabit al secondo che rendono molto più performanti gli attuali servizi a larga banda e abilitano nuovi servizi come ad esempio la Tv ad alta definizione, la domotica, la telepresenza (videocomunicazione di ultima generazione) e i servizi di cloud computing. L’obiettivo è quello di collegare progressivamente fino a 1.000 clienti sperimentali.
L’effettiva commercializzazione dei servizi sarà avviata alla fine della sperimentazione e a valle della definizione del nuovo quadro regolamentare sulle reti Ngan.

I lavori di realizzazione della nuova rete sono facilitati dal nuovo Regolamento Scavi del Comune di Roma (Del. 105 del 23/11/09), dalla semplificazione dell’iter burocratico per l’ottenimento dei permessi e dalla possibilità di utilizzare tecniche di scavo innovative come la minitrincea. Il nuovo quadro normativo per la realizzazione dei lavori è frutto del progetto Roma Digitale, lanciato nel marzo 2009 con l’Unione Industriali di Roma e con il comune di Roma, alla presenza del Sindaco Alemanno.
Tale progetto si propone, tra l’altro, di dare un grande impulso alla digitalizzazione dei servizi della Pubblica Amministrazione, come la sicurezza e il monitoraggio del territorio, l’infomobilità, la telemedicina, la dematerializzazione dei documenti.

L'iniziativa si inserisce nel piano di investimenti sulla fibra di Telecom Italia per la realizzazione della rete Ngan (Next Generation Access Network) che prevede di rendere disponibili i collegamenti in fibra a circa 1.300.000 clienti in 13 città italiane entro il 2012 per arrivare ad oltre 10 milioni di clienti entro il 2016.

24 Maggio 2010