"Pt dovrebbe considerare l'offerta di Telefonica per Vivo"

L'AZIONISTA

Uno degli investitori di riferimento della telecom portoghese, l'americana Brandes Investment Partners, pensa che dall'offerta potrebbero nascere vantaggi per entrambe le aziende

di Patrizia Licata
Portugal Telecom e Telefonica dovrebbero riunirsi a un tavolo e discutere più a fondo dell’offerta di 5,7 miliardi di euro lanciata da Telefonica per la quota che Pt possiede nell’operatore mobile brasiliano Vivo.
 A dirlo è uno dei maggiori investitori della telecom portoghese, la Brandes Investment Partners, tramite il direttore degli investimenti Amalia Morris, che sostiene che l’offerta "potrebbe aprire la strada a una soluzione vantaggiosa per entrambe le compagnie”.

Brandes Investment Partners è il terzo maggiore shareholder di Pt con una quota del 7,89%.
 L’apertura della società americana non significa un sì incondizionato agli spagnoli. "Anche se l'offerta attuale rappresenta un premio consistente rispetto al prezzo di mercato, non riflette il valore operativo e strategico sul lungo periodo che Vivo assume per Telefonica", afferma la Morris.



Ma è evidente che il road show avviato da Telefonica per convincere gli azionisti di Pt sta producendo i primi effetti: spingere almeno a prendere in considerazione la sua proposta. Che resta molto aggressiva, perché Telefonica, che possiede il 10% della telecom portoghese, è pronta a comprare l’intera Pt, se questa non vorrà vendere la sua quota in Vivo.

31 Maggio 2010