Telefonica punta ad Est. Obiettivo: 10% di China Unicom

STRATEGIE

Il colosso spagnolo pronto ad aumentare la propria partecipazione nella mobile company cinese. Operazione da 415 milioni di dollari

di Patrizia Licata
Telefonica ha intenzione di aumentare quest'anno la partecipazione in China Unicom al 10% dall'8,4% attuale. Il colosso telco spagnolo aveva già detto in passato che avrebbe fatto crescere la sua quota nella telecom cinese al momento opportuno.

Ora il presidente Cesar Alierta ha fatto sapere, in un incontro con la stampa a New York, che quest’anno potrebbe essere il momento giusto, perché Telefonica guarda con crescente interesse al mercato delle telecomunicazioni cinese, in forte espansione. L'operazione dovrebbe costare circa 415 milioni di dollari, secondo un portavoce di Telefonica.

Già a settembre 2009 la spagnola aveva rafforzato la sua presenza in Cina firmando un'alleanza strategica con China Unicom e portando la sua partecipazione nel gruppo cinese dal 5,38% all'8%, mentre China Unicom, con un investimento di circa un miliardo di dollari, è entra in Telefonica con lo 0,88%. Oltre all'incrocio azionario l'alleanza firmata l’anno scorso, che ha portato la base combinata dei due gruppi a 550 milioni di clienti, prevede la cooperazione in diverse aree di business come l'acquisizione di infrastrutture e apparecchiature per i clienti e la collaborazione nello sviluppo di piattaforme wireless, fornitura di servizi alle imprese internazionali, roaming e ricerca.

14 Giugno 2010