Per Prysmian maxi commessa nel Mare del Nord

PROGETTI

L'azienda si è aggiudicata un contratto da 250 mln con la tedesca Traspower per la realizzazione e installazione dei cavi sottomarini di due impianti eolici offshore

di Federica Meta
Maxi commessa tedesca per Prysmian. La società attiva nel settore dei cavi e dei sistemi per l’energia e le Tlc si è aggiudicata un progetto del valore di 250 milioni di euro dall’operatore di rete di trasmissione tedesca Transpower (consociata dell’operatore di rete olandese TenneT) per la costruzione dell’impianto BorWin2 che collegherà due parchi eolici offshore nel Mare del Nord alla terraferma, in Germania.

Per i parchi Veja Mate e Global Tech 1, Prysmian realizzerà il collegamento sottomarino di 125 chilometri e terrestre di 75 chilometri). La commessa rientra in un progetto da 500 milioni di euro al quale Prysmian partecipa in consorzio con Siemens Energy che fornirà il sistema di convertitori Voltage Sourced Converter da 800 megawatt.

“Il progetto – si legge in un comunicato dell'azienda – segna una serie di pietre miliari nell’industria poiché sarà il primo collegamento in cavo di alta tensione in corrente continua (Hvdc – High Voltage Direct Current) con tecnologia di isolamento con materiali estrusi, il primo collegamento da 800 megawatt di potenza per parchi eolici offshore ed il più grande sistema in termini di capacità operativa (800 Mw)”.

I cavi sottomarini saranno prodotti nello stabilimento Prysmian di Arco Felice (Napoli) mentre quelli terrestri saranno realizzati a Delft, in Olanda. La posa dei cavi sottomarini sarà realizzata dalla nave posacavi con la maggior capacità operativa al mondo, la “Giulio Verne” di proprietà di Prysmian e da natanti specializzati in operazioni di posa in acque basse. L’entrata in servizio del collegamento è prevista per il 2013.

15 Giugno 2010