Sentinelli: 'Per i cellulari si apre una nuova era'

PRIMO PIANO

Una nuova era per i cellulari. Tutta orientata alla trasmissione dei dati mobili. A prevederla il “guru” delle Tlc mobili italiane, Mauro Sentinelli, uno degli uomini che ha creato Tim, e che ora ha preso in mani le redini di Onda Communication. “In futuro la telefonia mobile subirà un’evoluzione importante, quella dei dati - rivela Sentinelli -. C’è chi pensa alle Tlc come a un settore maturo, invece dobbiamo aspettarci presto l’arrivo dell’onda del broadband mobile, un’onda forte e lunga, destinata a durare nel tempo”. Secondo Sentinelli le avvisaglie già si vedono. “Oggi la gente vuole essere connessa. Ovunque si trovi - puntualizza il manager -. Per lavoro, per svago, per semplice esigenza di comunicare, per informarsi. E per questo è disposta a pagare un premio di mobilità. All’inizio sarà alto e poi magari si ridurrà. Ma sarà comunque interessante da giustificare gli investimenti delle telco”.

Per quanto riguarda la crisi che impatta anche sulle Tlc, il neo presidente di Onda si dice ottimista. E lega la sua analisi alle formidabili capacità di mutamento del telefonino che si dimostra sempre al passo con i tempi. Anzi, un passo più avanti. “Il cellulare  non è qualcosa che serve a parlasi: questa è storia passata - conclude -  Oggi il cellulare è un oggetto che ci consente di comunicare in senso pieno, di collegarsi a Internet, di chattare, di ascoltare musica, di vedersi un filmato, di trovare informazioni e così via. Lo chiami pure iPhone, NetPC, Pda, videofonino o quant’altro, ma il concetto è questo. Per la telefonia mobile sta iniziando una nuova era".


Full story nel numero 8 del Corriere delle Comunicazioni in uscita il 20 aprile

17 Aprile 2009