300 Pmi in Ngn: Fastweb battezza il distretto a 100 Mb

NUOVE RETI

L'operatore ha collegato in fibra ottica l'area industriale di Castel Maggiore, nel Bolognese. Biazzi: "Reti broadband chiave di successo per imprese che vogliono competere e ottimizzare i costi”

di Federica Meta
La fibra “conquista” le industria della provincia bolognese. Fastweb e il Comune di Castel Maggiore (Bo) hanno portato a termine un progetti di cablatura che interessa 300 piccole e medie imprese del distretto industriale locale, prima non raggiunto da un collegamento a banda larga e che, invece, ora, ha accesso a una rete di nuova generazione che permette velocità fino a 100 megabit al secondo.

“Internet a banda larga è una componente cruciale per l'innovazione e per lo sviluppo del territorio – spiega il sindaco di Castel Maggiore, Marco Monesi, -. L’accesso alla rete ultraveloce permetterà una forte crescita della nostra produttività. Il Comune ha facilitato la posa della fibra semplificando le procedure amministrative e ha trovato in Fastweb un partner disposto a investire”.

Per cablare la zona Fastweb ha utilizzato sia tecniche di scavo tradizionali, sia tecniche di scavo non invasive come le microtrincee; sono stati inoltre utilizzati 3.600 metri di tubazioni per l’illuminazione pubblica messi a disposizione dal Comune.

“Oggi la rete a banda larga rappresenta un elemento imprescindibile per l'economia del futuro. Siamo convinti che la diffusione della banda larga produca effetti rilevanti sul benessere sociale e sulla possibilità di sviluppo economico - commenta Roberto Biazzi, direttore della Business Unit Sme di Fastweb -. La disponibilità di infrastrutture broadband ad alta velocità è la chiave di successo per le piccole e medie imprese che vogliono competere in nuovi mercati e ottimizzare i costi”.

07 Luglio 2010