Il QR code debutta in politica. Pd, campagna anti-manovra

TECNOLOGIA

Il Partito democratico adotta la nuova tecnologia per diffondere via cellulare news e immagini delle iniziative in campo

di Federica Meta
L’opposizione al governo riparte dall’Ict. Il Pd si affida all'ultima novità in fatto di tecnologia per diffondere via telefonino l'attività del partito con il QR code, evoluzione tridimensionale del codice a barre. Già dai prossimi giorni, in occasione della mobilitazione promossa il 16 e 17 luglio contro la manovra finanziaria del governo, il Partito Democratico utilizzerà l’innovativo codice nella campagna informativa per dare a iscritti e simpatizzanti approfondimenti e dettagli sulle iniziative di partito.

Per utilizzare il codice - stampato su manifesti, brochure, volantini – l’utente deve inquadrarlo con la fotocamera del telefonino e scattare. In questo modo si accederà a una pagina Web contenente articoli notizie ed immagini.

“Il Pd – sottolinea una nota del Nazareno - è il primo partito a utilizzare il QR Code per le proprie campagne con l’obiettivo di offrire a cittadini, elettori e simpatizzanti un nuovo strumento di approfondimento e attivare canali diretti di comunicazione con chiunque sia interessato a saperne di più sui vari argomenti”.

12 Luglio 2010