Unilever "promuove" BT: contratto bis da 173 milioni

UNIFIED COMMUNICATION

Rinnovato per quattro anni l'accordo con l'operatore britannico che fornirà una piattaforma integrata per l'erogazione di servizi voce, dati e video in circa 1000 sedi della multinazionale

di Federica Meta
BT rafforza la partnership con Unilever. L’operatore ha esteso il proprio contratto di outsourcing con il colosso della distribuzione per ulteriori 173 milioni di euro.
Il rinnovato accordo vedrà, nel corso dei prossimi quattro anni, BT puntare sull’innovazione tecnologica di servizi come l’Unified Communications, il messaging, il supply chain, la tecnologia wireless e il lavoro flessibile in più di 100 paesi.

“La nostra priorità è quella di essere un world class partner per Unilever - spiega Jeff Kelly, Chief executive officer di BT Global Services - aiutandola e supportandola nel raggiungere i suoi ambiziosi piani di trasformazione e di crescita nel corso dei prossimi anni”.

BT attualmente fornisce servizi nelle tre regioni operative di Unilever. La portata del servizio comprende la progettazione, la gestione e il funzionamento di una infrastruttura di rete e IT sicura pienamente integrata end-to-end. A BT spetta il compito di assicurare che il servizio consenta a Unilever di operare in tutti i mercati, supportando il suo personale, i consumatori, i clienti, i partner e i fornitori. Il servizio include una piattaforma integrata che eroga servizi voce, dati e video e mobilità in circa 1000 sedi.

“I prodotti di Unilever impattano sulla vita di due milioni di persone al giorno e la nostra ambizione è di raddoppiare il nostro business riducendo l’impatto ambientale – puntualizza Pascal Visée, Chief Enterprise Support Officer di Unilever -. BT è un partner affidabile, i cui servizi, qualitativamente eccellenti, possono aiutarci a raggiungere il nostro obiettivo”.

14 Luglio 2010