Ue al voto. Dal 1° luglio meno care le tariffe di roaming

ROAMING

E’ previsto per domani alle 12.00 il voto in sessione plenaria del Parlamento europeo sul secondo pacchetto di misure per ridurre le tariffe di roaming nella Ue proposto dalla Commissione europea.

Se approvate le nuove norme entreranno in vigore a partire dal 1° luglio 2009. Nello specifico le misure prevedono: un tetto per l’invio di Sms dall’estero di 0,11 cent/euro rispetto all’attuale prezzo medio di 0,28; l’abbassamento delle tariffe di data roaming con l’introduzione di un tetto all’ingrosso di 1 euro per ogni Mb scaricato (la media Ue è ora di 1,68 euro); la progressiva riduzione dei prezzi massimi per le chiamate in roaming che dovranno scendere a 0,43 cent/euro per le chiamate effettuate e 0,19 cent/euro per le ricevute a partire dal 1° luglio 2009, 0,39 e 0,15 dal 1° luglio 2010 e 0,35 e 0,11 dal 1° luglio 2011 (la media attuale è di 0,46 per le chiamate in uscita e di 0,22 per quelle in entrata).

L’ultima norma riguarda l’introduzione del principio di fatturazione al secondo dopo i primi 30 secondi di conversazione per le chiamate effettuate dall’estero e dopo il primo secondo per le ricevute.





21 Aprile 2009