Nokia, inizia l'era Elop. Lascia il capo degli smartphone

STRATEGIE

Si dimette Vaoljki, responsabile della divisione Mobile Solutions. Segno che il nuovo Ceo punta a farsi una squadra tutta sua. Intanto riflettori puntati sul nuovo N8

di Federica Meta
Cade prima testa in Nokia dopo il cambio al vertice che ha visto arrivare Stephen Elop al posto di Olli Pekka-Kallasvuo. Anssi Vaoljoki, capo della divisione smartphone e servizi di Nokia, si è dimesso. Vanjoki era giunto in Nokia nel '91 e dal 2008 dirigeva la Mobile Solutions di Nokia. “È arrivato per me il momento di valutare nuove opportunità" ha spiega Vanjoki, il quale era considerato uno dei più probabile successori di Kallasvuo prima dell'assunzione di Elop. La società ha fatto sapere che il manager resterà al suo posto per altri sei mesi e che, per ora, non sta cercando sostituti.

“La partenza del numero uno della divisione smartphone può essere un primo segnale della strategia di cambiamento messa in campo dal nuovo Ceo – spiega Nick Jones, Vp di Gartner -. Non è escluso che Elop punti a un totale rinnovamento dell’attuale top management”.

Top management che non ha saputo reggere il confronto con Apple e Rim che con iPhone e Blackberry detengono la fetta più importante di mercato, fatta eccezione per i Paesi emergenti dove Nokia ancora la fa da padrona. E il primo passo per tornare ad essere competitivi anche nei mercati maturi la casa finlandese lo farà domani e dopodomani, in occasione del 15° Nokia World event a Londra, quando presenterà il suo nuovo smartphone di punta, l’N8, e una versione aggiornata della sua piattaforma mobile, Symbian. Inoltre annuncerà nel dettaglio la strategia di marketing per Mee-Go, il sistema operativo basato su Linux e sviluppato con Intel, che nella versione Handset è ottimizzata per essere installata anche sui cellulari.

13 Settembre 2010