Boom dei tablet, Eldorado anche per i chip

L'ANALISI

Arm domina attualmente il mercato, ma Intel punta a recuperare entro metà 2011 grazie al chip Atom Medfield per il mobile computing

di Patrizia Licata
La corsa al tablet non solo rilancia aziende hitech di diversi settori, dalla casa degli smartphone Blackberry, la canadese Rim, all’azienda americana dei computer Dell, ma beneficia anche i produttori di chip come Texas Instruments, Qualcomm e Nvidia. Secondo le analisi di Craig Ellis, esperto del settore della società di brokerage Caris & Co., Intel gioca ancora un ruolo di co-protagonista, ma per metà 2011 diventerà uno dei principali player anche nei chip per device mobili.

Attualmente il mercato della telefonia cellulare è dominato, dal punto di vista dei microprocessori, da Arm. “Arm sta andando molto bene grazie alla leadership nel settore mobile”, nota Ellis. “La sua tecnologia è vincente sia per la buona performance web che per l’efficienza energetica”.

Intel, la più grande azienda mondiale dei semiconduttori, fatica a lasciare il segno tra i device mobili. Regina indiscussa nei personal computer, non riesce però a offrire ancora quelle caratteristiche di efficienza energetica essenziali sul mercato del mobile computing, secondo Ellis. Tuttavia, la prossima versione del chip Atom potrà migliorare il posizionamento di Intel, specialmente man mano che i produttori di tablet passeranno a una strategia dual-supplier, continua l’analista.

Nome in codice Medfield, il nuovo chip Atom è stato disegnato proprio per gli apparecchi di mobile computing, come smartphone e tablet. "Se le nostre aspettative riguardo a Medfield sono corrette, entro metà 2011 Intel dovrebbe cominciare a diventare un fornitore di un certo peso di processori Apu”, prevede Ellis.

Anche altre società sono ben posizionate per trarre vantaggio dalla diffusione dei tablet, come i produttori di memory chip (per esempio SanDisk) o aziende come Broadcom Corp (progetta circuiti integrati volti in particolar modo alle applicazioni di comunicazione digitale di dati).
 Le vendite globali di tablet sono previste in rapida crescita nei prossimi due anni: secondo gli esperti di Caris & Co. Apple distribuirà 13 milioni di iPad quest’anno e 20 milioni l’anno prossimo. Nel 2012, verranno distribuiti in tutto 45 milioni di tablet e molti produttori di smartphone e pc entreranno sul mercato.

01 Ottobre 2010