Agcom, via alla consultazione sulle tariffe di terminazione mobile

MOBILE

Dal procedimento l'Authority si attende "una riduzione dei canoni a favore di operatori e utenti"

di Enzo Lima
Parte la consultazione pubblica su una metodologia innovativa per la revisione delle tariffe di terminazione mobile. Che dovrebbe tradursi in una riduzione dei costi per gli operatori e, di conseguenza, per i consumatori. L'avvio è  stato dato oggi dal Consiglio dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presieduto da Corrado Calabrò.

Si tratta di un importante passaggio con cui verrà ridefinito - dal 2011 in avanti - il percorso di riduzione delle tariffe di terminazione mobile stabilito dalla delibera 667/08/Cons. "Sulla scorta dell'esperienza di Paesi che hanno adottato il medesimo approccio metodologico - si legge in una nota - ci si attende una più marcata riduzione delle tariffe di terminazione mobile, a beneficio degli operatori ed, in ultima istanza, dei consumatori e degli utenti finali".

Tutti i soggetti interessati  - da sapere l'authority - potranno far pervenire, entro 30 giorni dalla pubblicazione della delibera, le proprie osservazioni in merito all'approccio proposto dall'Autorità. Quest'ultimo, in linea con la Raccomandazione comunitaria, riguarda sia la tipologia di modello (bottom up Lric riconciliato con la contabilità regolatoria degli operatori mobili), sia la metodologia per la definizione del costo del capitale (Wacc).

05 Ottobre 2010