Nsn apre agli investitori: si punta alla crescita con nuovo capitale e idee

PROGETTI

Il Cfo di Nokia, l'azienda azionista della jv con Siemens, annuncia che "sono all'esame alcune proposte, non sollecitate, da parti interessate a entrare a far parte della squadra". Intanto migliorano i conti: le perdite scendono a 282 milioni da oltre un miliardo di un anno fa

di Patrizia Licata
Si profila l’arrivo di nuovo capitale per Nokia Siemens Networks: il chief financial officer di Nokia Timo Ihamuotila ha fatto sapere che il vendor “ha ricevuto alcune proposte, non sollecitate, da parti interessate" e che Nokia "chiaramente, come azionista, è più che disponibile a discutere con chi possa portare nuovi asset, capitali o idee”, come ha affermato Ihamuotila in un’intervista con il Dow Jones Newswires.



Qualche settimana fa alcune voci avevano parlato di società di private equity interessate ad acquisire Nsn ed era stata ventilata l'ipotesi che Nokia e Siemens possano uscire dalla venture. Ihamuotila oggi sembra smentire: "Entrambi gli azionisti vogliono offrire un ambiente in cui il management di Nsn può concentrarsi sul perseguimento della strategia e il miglioramento dei risultati”.

Nsn ha anche reso noti ieri i suoi risultati per il terzo trimestre, in deciso miglioramento: la perdita operativa si restringe a 282 milioni di euro, contro gli 1,11 miliardi di un anno fa, grazie ai forti volumi di attrezzature di terza generazione distribuiti (le vendite nette sono cresciute del 7% a 2,94 miliardi di euro). 

Ihamuotila assicura: Nsn dovrebbe essere in grado di mettere a segno l’utile già nel quarto trimestre e beneficerà dell’acquisizione delle attività di rete di Motorola, che rafforzano la sua posizione in regioni dove i margini di profitto tendono ad essere più alti, come Usa e Giappone.

22 Ottobre 2010