Prysmian e Fondazione Bruno Kessler insieme per la ricerca

PARTNERSHIP

Un accordo di collaborazione per lo sviluppo di attivita' di ricerca nell'area delle nanotecnologie, delle fibre ottiche e di nuovi materiali per la produzione di cavi energia e tlc. Lo hanno sottoscritto Prysmian, societa' attiva nel settore dei cavi e sistemi energia e tlc, e la Fondazione Bruno Kessler, ente di ricerca trentino con 350 ricercatori.

La Fondazione Bruno Kessler finanzierà autonomamente i costi di sviluppo delle ricerche concordate con Prysmian, mentre il gruppo si impegna a riconoscere all'istituto, come compenso per i risultati raggiunti, una percentuale delle vendite realizzate con prodotti che incorporano il know-how prodotto dall'attivita' di ricerca in questione.

'Si tratta di una formula assolutamente innovativa nei rapporti tra aziende e istituti di ricerca, in questo caso di emanazione pubblica - spiega Fabio Romeo, Direttore del business cavi energia di Prysmian - che secondo una logica prettamente imprenditoriale consente di condividere costi e rischi di start-up nonche' il know-how disponibile In questo modo Prysmian, che gia' investe significative risorse per l'innovazione potra' qualificarsi ulteriormente all'avanguardia, accrescendo il proprio vantaggio competitivo nel settore strategico dei cavi per energia e telecomunicazioni".

27 Aprile 2009