Romani: 'Più protezione alle reti dell'informazione'

SICUREZZA

Più protezione alle infrastrutture critiche di informazione (Ici). È l’appello fatto da Paolo Romani, sottosegretario alle Comunicazione, in occasione delle Conferenza ministeriale di Tallin. “A Tallin si è convenuto sul ruolo strategico delle Ici – spiega Romani -. Tutti gli Stati membri hanno convenuto sulla necessità di riservare alla loro protezione la massima attenzione per l’importanza strategica che esse rivestono per la vita di ogni paese”.   

In questo senso il sottosegretario ha sottolineato il ruolo strategico dell’Agenzia Europea per la Sicurezza delle Informazioni (Enisa) nel promuovere il coordinamento della collaborazione paneuropea e transfrontaliera nelle attività di protezione, prevenzione, assistenza in caso di evento catastrofico o attacco cibernetico contro le Ici.  “L’ Enisa può sviluppare la propria azione, in particolare quale soggetto che accompagni le singole azioni nazionali verso un sistema di prevenzione europeo, mediante l’adozione di strumenti nazionali, come i Gruppi di intervento per l’Emergenza dei computer, e favorendo la cultura della sicurezza informatica”, ha concluso Romani. 

28 Aprile 2009