Governo e Confindustria a sostegno di Prysmian

L'OPA SU DRAKA

Marcegaglia e Romani intenzionati ad appoggiare l'operazione sull'olandese Draka contro i cinesi di Xinmao. Il ministro allo Sviluppo economico: "Un settore strategico come quello dei cavi deve restare in Europa"

di F.M.
Governo e Confindustria in campo per appoggiare l’offerta di Prysmian sull’olandese Draka. Il primo a dirsi “intenzionato” a sostenerla è stato il ministro allo Sviluppo economico Paolo Romani. “Siamo intenzionati ad appoggiare, per quanto è possibile in un libero mercato, un'azienda italiana che ha un'acquisizione importante in mano". Romani ha spiegato di aver sentito in questi giorni sia l'Ad di Prysmian, Valerio Battista sia il governo olandese facendo anche "una richiesta al governo olandese per vedere se ci fosse la possibilità che Draka resti all'interno del network europeo".

"Bisogna ricordare anche ai governi amici come quello olandese - ha sottolineato ancora il ministro Romani - che forse far rimanere in sede europea una grande azienda multinazionale che si occupa di un settore strategico per il nostro Paese, è meglio che rischiare che tutto il know how sia trasferito in Cina”. Oltre che in quello dell’azienda italiana, infatti,Draka è nel mirino anche dei cinesi di Xinmao che hanno dichiarato di avere ottenuto per l'operazione un impegno scritto al finanziamento da parte del colosso bancario cinese Minsheng Banking Corp e hanno annunciato un'opa cash da 20,5 euro contro i 17,2 euro (in parte in titoli e in parte in cash) di Prysmian.

Il numero uno di Confindistria Emma Marcegaglia ha giudicato “di estremo interesse il progetto industriale che sta alla base dell'iniziativa di Prysmian. La volontà di dar vita a un gruppo, che sarà il primo al mondo in un settore dalle forti potenzialità di sviluppo come quello delle reti elettriche e della fibra ottica, è la testimonianza della capacità delle nostre imprese di essere protagoniste nello scenario della competizione internazionale''.

30 Novembre 2010