Crollo dei profitti, Lg taglia una unit

RISTRUTTURAZIONE

Abbattimento dei costi e miglior controllo aziendale gli obiettivi della ristrutturazione che cancella la divisione business solutions

di Patrizia Licata
Lg Electronics riorganizza le proprie attività per essere più competitiva e reagire al calo delle entrate degli ultimi mesi, soprattutto nei telefoni cellulari. L’azienda coreana ha reso noto che chiuderà la divisione business solutions riducendo a quattro il numero delle unit a partire dal prossimo anno.



Abbattimento dei costi e miglior controllo aziendale sono gli obiettivi della ristrutturazione: l’organizzazione più snella permetterà, afferma Lg, un processo decisionale più rapido e accurato, potenziando la capacità dell’azienda di sviluppare tecnologie avanzate e rafforzando le nuove attività. Le quattro divisioni da cui sarà costituita Lg dal 2011 sono home appliance, air-conditioning & energy solution, home entertainment e mobile communications.



La notizia è stata accolta positivamente dagli investitori: l’azienda è da tempo sotto pressione per migliorare la sua posizione, avendo riportato un disastroso declino del 99,2% dell’utile netto nel terzo trimestre. Forti perdite nell’attività dei telefoni cellulari e la domanda depressa di elettronica di consumo nelle economie sviluppate, come Europa e Usa, sono la causa principale del crollo della redditività di quello che rimane il secondo maggior produttore di tv con schermi Lcd nel mondo per revenue e la terza maggiore azienda dei cellulari per unità vendute (dopo Nokia e Samsung).



A settembre, nel tentativo di dare una svolta all’andamento del gruppo, il precedente Ceo Nam Yong ha lasciato il posto, sostituito da Koo Bon-joon.

 "Lg Electronics si impegna in un processo di ristrutturazione per superare le attuali sfide di mercato e tornare a crescere”, ha commentato in una nota ufficiale l’azienda. "Per dare maggior risalto ai singoli prodotti, chiuderemo la divisione business solutions e le attività legate agli schermi e alle soluzioni commerciali saranno trasferite nella divisione home entertainment”.

01 Dicembre 2010