Audio, video e Web on the cloud. BT Italia rivoluziona la comunicazione

SERVIZI

Da gennaio 2011 disponibile sul mercato italiano la nuova suite on demand. Il direttore marketing Campagna: "Svolta per il mercato del conferencing"

di Federica Meta
Il conferencing di BT sale sulle nuvola. Da gennaio 2011 la società metterà a disposizione del mercato italiano una piattaforma di servizi audio, video e Web cloud based che consentirà alle aziende e alle pubbliche amministrazioni di ridurre al minimo i costi fissi di investimento e di ottimizzare quelli infrastrutturali.

Tra le caratteristiche rilevanti dell’offerta spicca quella relativa al pagamento: il cliente ha la possibilità di pagare a consumo in fattura anche solo la singola sessione di multivideo conferenza, azzerando così gli investimenti per gli apparati necessari per conferenze multipunto, ottimizzando i costi di banda ed evitando di impiegare personale dedicato alla gestione del servizio. L’unico “obbligo” per l’utente è quello di disporre di un apparato di videoconferenza gestito, nella pratica, da BT: dalla pianificazione dell’evento, fino al monitoring costante dei sistemi, passando per la connessione multipla. L’infrastruttura è quella centralizzata di BT, ospitata all’interno dei data center di proprietà.

“La nostra nuova offerta cloud based rivoluziona il mercato del conferencing abbattendo radicalmente i costi di ingresso verso la tecnologia sia perché la dotazione dell’infrastruttura è ‘basic’ sia perché il cliente paga solamente per i servizi erogati, che garantiscono un notevole miglioramento dell’efficienza produttiva, una significativa riduzione dei costi di trasferta e un maggior rispetto dell’ambiente - spiega Enrico Campagna, direttore marketing di BT Italia - La piattaforma diventa, dunque particolar ‘attraente’ in un periodo, come questo, di crisi economica in cui le aziende sono costrette a tagliare drasticamente i budget dedicati all’Information technology e alle comunicazioni avanzate”.

La piattaforma centralizzata “Onward”, cuore pulsante del servizio, garantisce la massima capacità ed interoperabilità nel connettere i diversi apparati video dei principali vendor (Cisco, Tandberg, Polycom, Lifesize e Kontiki per il video on demand e il live streaming) nonché un ampio portafoglio di soluzioni tecnologiche, dal sistema dedicato al singolo utente - quindi anche su desktop e laptop personali - fino alla telepresence. I servizi di managed conferencing, inoltre, danno al cliente la possibilità di contare su un monitoraggio proattivo dell’intero sistema di comunicazione 24 ore su 24, indipendentemente dall’orario e dalla disponibilità a livello locale di personale specializzato, in quanto professionisti che operano da remoto garantiscono l’assistenza in tutte le fasi dell’evento.
A questo si associa un sistema di self service di prenotazione online che permette a chi fruisce del servizio di programmare le riunioni e di avere una reportistica completa e dettagliata.
Nell’erogazione di questo servizio la società si avvale del supporto e del know how di BT Conferencing, la divisione di BT che da oltre 25 anni opera nel mercato della videoconferenza, anche sviluppando progetti chiavi in mano di Unified Communication in un’ottica as a service.

“Oltre a innegabili vantaggi dal punto di vista economico e dell’efficienza - ricorda Marco Zatta di BT Conferencing - il valore aggiunto della nuova piattaforma ‘on the cloud’ riguarda il dato più strettamente culturale: il fatto che la soluzione sia gestita, in un certo qual modo, da remoto, consente all’utente di approcciare ad essa con una maggiore disponibilità, contribuendo a diffondere in questo modo una cultura dell’innovazione che sia perno anche dell attività lavorative quotidiane”.

03 Dicembre 2010