Swisscom, fibra ottica a Basilea entro il 2017

PROGETTI

La telco coprirà il 60% dei costi. L'investimento fa parte di un più vasto piano per l'aggiornamento delle connessioni broadband per un terzo delle famiglie svizzere. Costo complessivo 2 miliardi di franchi

di Patrizia Licata
Swisscom cablerà la città di Basilea con la fibra ottica entro portando all'intera cittadinanza i servizi dell'ultra-broadband dal 2017: la telco svizzera si sobbarcherà del 60% dei costi, pari a 170 milioni di franchi svizzeri (176,8 milioni di dollari), mentre il restante sarà coperto dalla utility di proprietà dello Stato Iwb. Il progetto dovrà ottenere l’approvazione dal consiglio cantonale della città di Basilea (la decisione dovrebbe arrivare a inizio 2011).

“Questo contratto e il relativo piano di espansione faranno di Basilea una delle prime città in Svizzera a usufruire di servizi di ultra-banda larga grazie alle connessioni in fibra ottica che copriranno l’intero territorio, a partire dal 2017", ha dichiarato Swisscom. Il progetto per la città di Basilea fa parte del più vasto programma di investimenti della telco, pari a 2 miliardi di franchi svizzeri, che serviranno ad aggiornare le connessioni su banda larga di circa un terzo delle famiglie svizzere entro il 2015. Progetti simili a quello di Basilea sono in cantiere per Ginevra, Zurigo e Berna.

Intanto l’espansione di Swisscom passa anche per il consolidamento del proprio know-how nel segmento delle soluzioni di comunicazione basate su software, con l’acquisizione dello sviluppatore svizzero di prodotti di unified communications Axept. Axept, 90 addetti con sede a Glattbrugg, è specializzata proprio in software di Uc e collaboration; i suoi prodotti verranno integrati nell'offerta Swisscom conservando il loro marchio. L’acquisizione non include il ramo Business Software di Axept.

20 Dicembre 2010