Galateri: "100 Mb senza vincoli". Gli Olo: "Ricorreremo al Tar"

LO SCONTRO

Il presidente di Telecom Italia auspica una decisione rapida da parte dell'Agcom e chiede che non siano imposte condizioni che potrebbero rendere complicato il lancio dei servizi di connettività ultrabroadband. Ma i concorrenti non ci stanno e si preparano a fare battaglia

di Mila Fiordalisi
“Spero che su internet 100 mega. l’Agcom possa decidere in fretta e senza troppi vincoli alla nostra proposta”. Il presidente di Telecom Italia, Gabriele Galateri, a margine della cerimonia di inaugurazione del master in management, innovazione e ingegneria dei servizi della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, manda un chiaro messaggio all'Authority di Calabrò chiamata a decidere sull'offerta di connettività ultrabroadband per la quale il disco verde potrebbe arrivare già durante la riunione del Consiglio in programma il 3 febbraio.

I "vincoli" a cui accenna Galateri, il quale non specifica, si riferiscono all'imposizione del bitstream wholesale come richiesto dagli Olo nella lettera inviata l'altro ieri all'Authority. Vincoli che come sottolinea il presidente di TI "“ci renederebbero più difficile lanciare i servizi". Galateri punta inoltre i riflettori sulla "necessità del Paese di questo tipo di infrastruttura".

Gli Olo, intanto, vanno avanti nella loro battaglia. Dopo la lettera all'Agcom spunta l'ipotesi di un ricorso al Tar in caso l'offerta di Telecom venga licenziata dall'Autorità senza le modifiche richieste.

28 Gennaio 2011