Sui Tgv francesi Internet è via satellite

BINARI ONLINE

Connessioni sui treni ad alta velocità della Sncf garantite da un consorzio costituito da Orange, Eutelsat, Alstom e Capgemini. Investimento di 70 milioni di euro per equipaggiare la rete in Francia, Germania, Svizzera e Lussemburgo

di Paolo Anastasio
Navigare in internet a bordo dei treni, per le ferrovie francesi della Sncf (Société nationale chemins de fer) è già una realtà. Sui Tgv, i treni super veloci dell’azienda transalpina, il Tgv Box messo a punto dal consorzio Ocea, composto da Orange Business Services, Eutelsat, Alstom e Capgemini, funziona a pieno regime sulla tratta orientale della rete ad alta velocità in Francia, Germania, Svizzera e Lussemburgo. Il costo del sistema è di 60-70 milioni di euro, di cui una ventina di milioni in ricerca e sviluppo e 50 milioni circa per la messa a punto.

Dal primo dicembre dell’anno scorso i viaggiatori possono navigare tramite laptop, smartphone e pda a bordo dei treni dell’alta velocità francese. Il tutto tramite connessioni wi-fi, veicolate dal satellite, ad un prezzo variabile: le offerte riguardano un’ora di navigazione oppure l’intero tragitto. Se il danaro caricato sul portafoglio virtuale eccede il tempo del viaggio, il rimanente può essere utilizzato in un viaggio successivo.

La tecnologia messa in campo dal consorzio garantisce connessioni ad alta velocità, in un ambiente ad alto voltaggio elettrico, integrandosi con il sistema di manutenzione della rete ferroviaria ad alta velocità. Il tutto senza impattare sul corretto funzionamento del materiale rotabile.

Il servizio è frutto della sinergia delle singole competenze dei quattro player del consorzio Ocea. Capofila del programma è Orange Business Services, garante dell’integrazione dei servizi con l’infrastruttura di comunicazione. Il team di Ricerca e Sviluppo di Orange ha sviluppato il router mobile per la connessione fra il satellite e il network wi-fi. In qualità di operatore e integratore tecnologico, Orange Business Services fornisce anche l’accesso a internet, la gestione operativa e i servizi di manutenzione del network wi-fi a bordo.

“Fornire l’accesso a Internet a 320 Km/h è stata una nuova sfida. Siamo fieri di averla vinta, portando Internet sui treni dell’Sncf - dice Philippe Roger, Vice President Large Accounts France di Orange Business Services – La soluzione per l’accesso a Internet realizzata con il Box Tgv è emblematica delle nostre capacità di diffondere l’innovazione, portando i benefici di Internet al più ampio bacino di utenza”.

Eutelsat è il fornitore dei componenti satellitari del network. Le antenne satellitari montati sui tetti di rame dei treni sono stati sviluppati appositamente per rispettare lo spazio disponibile sul tetto del treno, garantendo il funzionamento a velocità fino ai 360 km/h in un ambiente di alta tensione elettrica. Per quanto riguarda il servizio satellitare, Eutelsat utilizza il satellite Atlantic Bird 2 attraverso una tecnologia di diffusione dello spettro, che consente di stratificare il flusso di dati trasmessi da e verso i treni. Il servizio è accessibile sull’intera rete orientale dei Tgv, servendo Francia, Germania, Lussemburgo e Svizzera ad una velocità di 30 Mbps che può essere aumentata su richiesta.

Alstom porta in dote la sua esperienza sul fronte degli standard ferroviari e dell’integrazione dei sistemi. E’ responsabile della fornitura e dell’installazione delle apparecchiature wi-fi e dei server, in grado di processare e immagazzinare i portali multimediali a bordo dei treni. Alstom ha inoltre installato le reti Lan a bordo delle vetture.

Capgemini, infine, attraverso la sua divisione Telecom & Media in Francia, ha realizzato l’applicazione di supervisione end-to-end, dai server di terra alle apparecchiature hardware e software a bordo di ogni singola vettura dell’alta velocità francese. Capgemini ha inoltre messo a punto software di geolocalizzazione, che forniscono le performance di velocità di connessione dei portali di bordo.

04 Febbraio 2011