Nokia, la svolta di Elop. Via i top manager "storici"

LA RIORGANIZZAZIONE

Radicale change management nel piano di rilancio del Ceo: nel mirino figure chiave come il responsabile della logistica, Niklas Savander, e Mary McDowell, capo della divisione Mobile. L'annuncio ufficiale a Londra l'11 febbraio

di F.M.
Uno scossone alla storica dirigenza di Nokia. Lo sta per dare – stando a quanto riporta il Wall Stret Journal – il Ceo della casa finlandese, l’ex top manager di Microsoft, Stephen Elop che sta portando a termine il suo piano di rilancio aziendale. Piano che verrà ufficialmente presentato il prossimo 11 febbraio a Londra, in occasione del meeting con gli analisti del settore, organizzato per presentare le ultime novità commerciali.
A “saltare” sarebbero delle figure chiave come Kai Oistamo (capo degli sviluppatori) e Niklas Savander (responsabile della logistica), i quali addirittura potrebbero non fare più parte dell’azienda finlandese. Si fanno anche i nomi di Mary McDowell (capo della divisione Mobile) e Tero Ojanperam (a capo del Services &Solutions).
Secondo il settimanale tedesco WirtschaftsWoche, però, la strategia di Elop non piace alla metà dei membri del Cda – soprattutto quelli nominati durante la guida degli ex Ceo, Jorma Ollila e Olli-Pekka Kallasvuo – pronti a respingere il piano.
L’intenzione di Elop è quella di rinnovare completamente il settore management di Nokia, creando un team che abbia una nuova visione aziendale e soprattutto segua una via diversa per quanto riguarda il software. In questo senso si sono susseguiti rumors relativi ad una possibile alleanza tra la casa finlandese e Microsoft per l’adozione di Windows Phone 7, tornati alla ribalta, nei giorni scorsi, nonostante la smentita arrivata dal gruppo nord europeo alla fine dello scorso anno.

07 Febbraio 2011