Ok di Agcom ai 100 Mega di Telecom

ULTRABROADBAND

Il Consiglio dell'Autorità approva la sperimentazione nelle città in cui siano già presenti servizi Ngn di altri operatori. Ma la società capitanata da Bernabè dovrà mettere a punto un'offerta wholesale basata sul principio del retail minus

di F.M.
Il consiglio dell'Agcom ha approvato la sperimentazione in alcune aree dell'offerta commerciale in fibra ottica a 100 megabit di Telecom Italia. Relatori del provvedimento sono stati i commissari Enzo Savarese e Roberto Napoli. Il provvedimento è stato approvato con il favore di tutti i commissari tranne Gianluigi Magri che si è astenuto.

In questo contesto, l’Autorità ha imposto a Telecom Italia sia il miglioramento della corrispondente offerta di reselling, sia la presentazione – in tempi brevi - di un’offerta wholesale con consegna a livello IP, quale tappa intermedia per la predisposizione di un’offerta evoluta di trasporto su fibra che Telecom Italia dovrà presentare entro il 2011.
In relazione all’offerta reselling, la commercializzazione dell’offerta retail di Telecom Italia è condizionata alla contestuale effettiva fornitura di un’offerta wholesale basata sul principio del retail minus. In ogni caso, l’Autorità ha ritenuto opportuno porre alcune ulteriori condizioni alla commercializzare dell’offerta da parte di Telecom Italia.

In primo luogo, l’azienda potrà proporre il servizio solo nelle città in cui siano già presenti offerte di servizi Ngn da parte di altri operatori in concorrenza, così da evitare fenomeni di pre-emption del mercato.

In secondo luogo, viene posto un limite al numero massimo di clienti (40 mila) che Telecom Italia potrà acquisire nel periodo considerato.
Infine, l’autorizzazione ha carattere temporaneo: l’Autorità provvederà ad un riesame dell’offerta, alla luce delle dinamiche di mercato ed in
considerazione delle caratteristiche dell’offerta wholesale che Telecom Italia dovrà presentare.

 “Con la decisione odierna - commenta il presidente Agcom, Corrado Calabò - l’Autorità consente a Telecom Italia e ai concorrenti che si avvarranno delle corrispondenti offerte wholesale di iniziare a sperimentare la commercializzazione di un servizio a banda ultra larga, in attesa del completamento del quadro delle regole Ngn”.

09 Febbraio 2011