Nortel Networks, il nuovo "spezzatino" è sull'Lte

4G

Google, Apple e Zte si candidano a rilevare il portafoglio di brevetti messo in vendita dalla società canadese in bancarotta

di Patrizia Licata
Zte vuole una fetta di Nortel Networks, almeno quella più ambita: i brevetti relativi alle tecnologie della Long term evolution. Il produttore cinese di attrezzature di telecomunicazione ha confermato che presenterà un’offerta per parte della tecnologia di rete 4G dell’azienda canadese finita in bancarotta, secondo quanto riferisce la Reuters.



"Ci stiamo tutti preparando per questa offerta”, ha dichiarato all’agenzia di stampa Wang Haibo, direttore della proprietà intellettuale di Zte. "Ci sono alcuni brevetti che vogliamo, non molti, ma cercheremo di candidarci per alcuni che includono la tecnologia Lte”.

L’Lte o long term evolution è il sistema che la maggior parte degli operatori telecom sta scegliendo per aggiornare e migliorare le prestazioni delle loro reti 3G. Il Wall Street Journal scriveva il 2 febbraio che Nortel spera di selezionare nel giro di tre settimane un offerente per un portafoglio di brevetti molto ambito: i potenziali acquirenti sarebbero cinque, tra cui Apple, Google e, appunto, Zte.

18 Febbraio 2011