Si allarga il WiFi dei Comuni. Via alla "federazione toscana"

INTERNET

Le Province di Firenze, Prato e Pistoia firmano il protocollo di intesa per aderire al progetto Free Italia WiFi. Via ai primi 10 hotspot. Presente anche il presidente della Provincia di Roma, Zingaretti: "Reti necessarie allo sviluppo del Paese"

di F.M.
Il progetto "Free Italia Wifi" si allarga a e sbarca in Toscana. Dopo l'accordo siglato a fine novembre tra la Provincia di Roma, il Comune di Venezia e la Regione Sardegna per la nascita della prima rete internet senza fili per le pubbliche amministrazioni d'Italia,oggi le Province di Prato, Firenze e Pistoia hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per aderire ufficialmente al progetto. E per questa occasione, uno dei fondatori dell'iniziativa, il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, insieme al Presidente della Provincia di Prato Lamberto Gestri, ha inaugurato i primi 10 hotspot nella cittadina.

“Per lo sviluppo di un Paese - ha affermato Zingaretti - le infrastrutture immateriali sono indispensabili al pari di quelle materiali. ‘Free ItaliaWiFi’ vuole creare una federazione nazionale delle reti wi-fi pubbliche già esistenti, sfruttando la possibilità di interconnettere i sistemi di autenticazione, per permettere a ogni utente registrato l'accesso a tutte le reti federate con le stesse credenziali (user id e password). Vogliamo socializzare, quindi, l’esperienza che abbiamo fatto con Provincia Wi-Fi, il servizio con il quale abbiamo realizzato più di 500 aree per l’accesso al web a Roma e in provincia".

I"Grazie alla collaborazione con il presidente Zingaretti - ha spiegato il presidente Gestri - avviamo oggi una iniziativa che punta a potenziare e diffondere il diritto all'informazione e alla comunicazione dei cittadini".

Il progetto nasce dall’esperienza e grazie alla tecnologia open source di Provincia Wi-Fi. Inoltre è stato messo a punto un Kit Open Source per la realizzazione di reti pubbliche wi-fi sviluppato da Provincia di Roma e Caspur, e reso disponibile, mediante licenze Open Source e Creative Commons, alle amministrazioni e ai soggetti interessati che potranno utilizzarlo gratuitamente e collaborare al miglioramento e all'evoluzione dei software e delle architetture utilizzate, accrescendo così la diffusione del wi-fi gratuito.

Hanno aderito al progetto oltre ai promotori anche le Province di Cosenza, Pesaro - Urbino, Potenza, Prato, Firenze e Pistoia, e il Comune di Bra. Hanno manifestato il loro interesse ad aderire anche le Province di Savona, Bari, Catania, Torino, Carbonia, Siena, Rieti, Gorizia, Napoli, i Comuni di Udine, Lamezia Terme, Napoli, Saronno, Viadana (Cremona) e UnionCamere Campania.

18 Febbraio 2011