Ngn, via al tavolo congiunto telco-over the top

EUROPA

Una proposta congiunta da sottoporre alla Commissione Ue il prossimo 13 luglio: questo l'esito dell'incontro che ieri a Bruxelles ha visto presenti i top player dell'Ict & media convocati con urgenza dalla Kroes. Via a tre gruppi di lavoro. Bernabè: "Disponibilità di tutti a trovare una soluzione per spingere gli investimenti nelle nuove reti"

di Mila Fiordalisi
Una proposta di lavoro comune, frutto della collaborazione fra telco, over the top e media company, da sottoporre alla Commissione europea il 13 luglio. Questo l'esito dell'incontro che ieri ha visto presenti a Bruxelles i principali player dell'Ict operativi in Europa convocati con urgenza dal commissario Neelie Kroes per fare il punto sullo stato di avanzamento dei lavori dell'Agenda digitale e, soprattutto, per spingere gli investimenti privati nelle nuove reti ultrabroadband in nome del raggiungimento degli obiettivi europei al 2020.

Compatto il fronte delle telco: la richiesta avanzata al commissario Kroes è stata quella di prevedere un risk premium per chi investirà nelle infrastrutture in modo da consentire il ritorno sul business, ossia la sostenibilità finanziaria dei progetti. E l'appello ha riguardato anche il coinvolgimento diretto delle Internet e media company.

"La cosa interessante emersa dall'incontro è l'accordo tra i diversi soggetti in campo sulla necessità di lavorare su tre settori: il contesto di regolazione visto che le norme attuali non rispondono alle esigenze di servizi che viaggiano su fibra e la pressione concorrenziale che priva le società di tlc di risorse; la partnership pubblico-privato; il co-investimento fra operatori", ha commentato a margine dell'incontro il numero uno di Telecom Italia Franco Bernabè. "Su questo c'è la disponibilità e l'interesse di tutti a trovare delle soluzioni". Tre i gruppi di lavoro che saranno formati per mettere a punto una proposta di lavoro comune da sottoporre alla Commissione Ue il prossimo 13 luglio.

In rappresentanza dell'Italia delle Tlc sono volati a Bruxelles, oltre a Bernabè, Stefano Parisi (Fastweb) e Luigi Gubitosi (Wind). Presente anche il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri.

"Il dato forte di questo incontro - ha commentato Stefano Parisi - è l'aver messo a uno stesso tavolo tutti i differenti attori della filiera, dai produttori alle aziende di telefonia, passando per le Internet companies".

Fra le altre aziende sedute al "tavolo" con la Kroes - una quanrantina in tutto - Telefonica, British Telecom, Deutsche Telekom, France Telecom, Vodafone, Apple (Steve Jobs è intervenuto in videoconferenza), Microsoft, Google, Facebook, eBay, Nokia, Rim e le network company Alcatel-Lucent, Ericsson, Nsn. E poi Sony, Skype e la Bbc.

04 Marzo 2011