Telenor: "L'operazione Wind danneggia Vimpelcom"

MERCATO

L'azienda norvegese non demorde e torna ad ostacolare l'acquisizione. Questa volta fa appello agli azionisti russi affinché votino contro l'emissione aggiuntiva di azioni e chiedano un dividendo straordinario

di Patrizia Licata
Telenor non demorde e torna a ostacolare l’accordo Vimpelcom-Wind facendo appello direttamente agli shareholder dell'operatore russo perché si oppongano alla nuova emissione di azioni, fase finale dell’acquisizione della telco italiana. Poiché la transazione rappresenta "un danno", secondo Telenor, l'azienda norvegese propone invece a VimpelCom di pagare un dividendo straordinario di almeno un dollaro ad azione come alternativa all’acquisizione da 6 miliardi di dollari di Wind.

Telenor, che possiede il 40% di VimpelCom, ha mandato una lettera agli shareholder di Vimpelcom invitandoli a opporsi alla nuova emissione di titoli che dovrebbe essere decisa nell’incontro previsto per il 17 marzo prossimo affermando di ritenere che il progetto di acquisizione va contro gli interessi degli investitori del carrier russo. La norvegese propone invece un dividendo straordinario, perché con questo, sostiene la telco nordica, tutti gli azionisti Vimpelcom potranno beneficiare della solida situazione patrimoniale dell’operatore.

Telenor elenca nella lettera i motivi della sua opposizione all’acquisizione di Wind, tra cui il fatto che Vimpelcom starebbe pagando un prezzo troppo alto; in più l'investimento in Italia sarebbe contrario agli impegni presi da Vimpelcom a perseguire la crescita sui mercati emergenti, non su quelli maturi.

Telenor conclude affermando che "la concentrazione eccessiva sull'operazione Wind Telecom ha già leso gli interessi di tutti gli azionisti Vimpelcom, visto che Vimpelcom ora non è più il secondo ma il terzo maggiore operatore sul mercato russo".

04 Marzo 2011