Videochiamate su Lte, nuovo Eldorado per le telco

4G

L'arrivo del 4G riporterà le Tlc in posizione di vantaggio rispetto ai player over the top, sostiene Broadsoft. Grazie alle nuove reti la user experience sarà all'altezza della domanda di servizi di videochiamata

di Patrizia Licata
E’ la videochiamata su Lte la nuova frontiera per creare entrate per gli operatori di rete: la larghezza di banda aggiuntiva fornita dalle reti di quarta generazione consentirà ai carrier mobili di generare nuovi ricavi dai servizi di videocall, sostiene lo specialista delle comunicazioni Ip Broadsoft, secondo cui la domanda dei consumatori è già sostenuta, anche grazie a player over the top come Skype che hanno fatto conoscere la videochiamata al mercato e ne diffondono l’adozione. Ma ora l'arrivo dell'Lte riporta le telco in una posizione di vantaggio rispetto ai loro concorrenti su Internet.

Il vice presidente del marketing di Broadsoft Leslie Ferry afferma infatti su Total Telecom che le nuove reti mobili ultra-veloci potranno finalmente consentire agli operatori di offrire una user experience di alto livello, mentre finora la videofonia mobile non ha raggiunto una grande diffusione per i dubbi sulla qualità della chiamata, oltre al costo proibitivo per l'utente e alla mancanza di dispositivi compatibili. Ferry insiste che "la domanda dei consumatori c’è" ed è stata alimentata dalle aziende over-the-top.

Anche l’ingresso di Apple nel segmento della videochiamata sembra confermare l’idea che le attuali reti mobili non siano all'altezza. Apple ha presentato a giugno 2010 la sua soluzione di videocall “FaceTime”, che consente agli utenti di effettuare videochiamate su WiFi, piuttosto che le reti mobili, una tacita ammissione che le reti 3G non riescano garantire la user experience.

Ma con l’arrivo delle reti mobili di quarta generazione, Ferry ritiene che gli operatori telecom si trovino in una posizione migliore per sfruttare la crescente domanda di servizi di videochiamata rispetto ai concorrenti over-the-top. "In ogni mercato ci saranno sempre i nuovi entranti", afferma la manager, “ma gli operatori possono trarre vantaggio della loro ampia base di abbonati, mentre gli over-the-top devono partire da zero".

Gli operatori mobili hanno anche un altro vantaggio, continua la Ferry: una "visione end-to-end delle loro reti", qualcosa che manca alle aziende di Internet, nonché un rapporto di fiducia con i propri utenti basato sull’emissione della bolletta.

11 Marzo 2011