In Umbria banda larga per 42 comuni in digital gap

NUOVE RETI

Ultimata la rete a firma di Telecom Italia e Consorzio Umbria Wireless. Ora parte il collaudo. La Regione: "In anticipo rispetto alle direttive europee e nazionali"

di F.M.
Sono stati ultimati ieri, 31 marzo, i lavori di realizzazione della rete Tlc a banda larga funzionale ad abilitare l'accesso ad Internet in 42 comuni dell'Umbria: lo hanno reso noto l'assessorato alle Infrastrutture tecnologiche ed immateriali della Regione Umbria.

L'intervento - riferisce un comunicato della Regione - è stato realizzato attraverso una gara pubblica vinta da un'associazione di imprese costituita da Telecom e dal Consorzio Umbria Wireless, finanziato dalla Regione per un importo di 2.200.000 euro.

"Nell'arco di circa due mesi oltre il 50% dei territori umbri attualmente non coperti avranno la possibilità di collegarsi ad internet. La rete realizzata consentirà di assicurare la copertura di 354 zone individuate in digital divide ed interesserà 42 comuni per circa 60mila abitanti. In provincia di Perugia ci sono stati interventi nei comuni di Assisi, Cascia, Cerreto di Spoleto, Citerna, Città di Castello, Costacciaro, Deruta, Gubbio, Lisciano Niccone, Magione, Marsciano, Monte Santa Maria Tiberina, Monteleone di Spoleto, Montone, Nocera Umbra, Norcia, Perugia, Poggiodomo, Preci, San Giustino, Sant'Anatolia di Narco, Scheggia e Pascelupo, Scheggino, Sigillo, Spoleto, Tuoro, Umbertide, Valfabbrica e Vallo di Nera. In provincia di Terni invece sono stati interessati numerosi nuclei dei comuni di Acquasparta, Arrone, Avigliano, Calvi, Ferentillo, Montecastrilli, Montefranco, Narni, Otricoli, Polino, San Gemini, Stroncone, e Terni".

A partire da oggi si procederà al collaudo degli interventi realizzati e, dopo la concessione a favore del soggetto aggiudicatario dei lavori, saranno attivati i servizi. Il tutto entro il prossimo giugno. "La Regione - sottolinea il comunicato - con questo importante intervento va a coprire i territori orograficamente più disagiati dell'Umbria non raggiunti da altri interventi pubblici o privati e la previsione è quella di avere entro il 2011 tutto il territorio regionale coperto da collegamento internet. Siamo in notevole anticipo rispetto ai tempi previsti dalle direttive nazionali ed europee per ciò che concerne le competenze regionali, facendo rilevare che ancora non c'è affatto chiarezza sugli interventi nazionali di competenza del governo".

01 Aprile 2011