Addio connessioni in dial up. Nel mondo si afferma l'Internet veloce

IL REPORT

Nielsen: la Svizzera guida la top ten globale dei collegamenti più rapidi con l'88% di utenti fissi connessi a oltre 2Mb. Italia nella media. Solo il Brasile, in controtendenza, stabile sui 512Kb- 2Mb

di P.A.
L’era degli accessi a internet in dial up (velocità massima 128 Kbps) è agli sgoccioli. Sempre più consumatori a livello globale stanno migrando verso connessioni più rapide nel segmento residenziale. Lo rende noto uno studio realizzato da The Nielsen Company. In tutti e nove i paesi presi in considerazione, tranne uno, le connessioni veloci (2 Mbps – 8 Mbps) sono le più comuni mentre soltanto una piccola percentuale di persone si affida ancora a connessioni più lente (fino a 512 Kbps).

In media, nei nove paesi presi a campione il 19% degli internauti è connesso a banda ultra veloce (più di 8 Mbps), il 47% a banda rapida, il 26% a banda media (fra 512 Kbps e 2 Mbps) e infine appena l’8% ha connessioni lente.

Soltanto il Brasile va controcorrente, con il 48% delle connessioni domestiche che viaggiano a velocità media e il 31% ancora a bassa velocità.

La Svizzera è il paese con le connessioni più rapide: l’88% dei consumatori ha collegamenti online superiori ai 2 Mbps e il 38% viaggia a banda ultralarga (più di 8 Mbps).

Dopo la Svizzera, ci sono Usa e Germania, con una percentuale di popolazione connessa a internet super veloce rispettivamente del 29% e del 27%. In questi tre paesi c’è più gente connessa a internet ultra veloce che medio.

In Brasile, fanalino di coda del broadband, il 48% della popolazione viaggia a velocità media mentre l’internet super veloce è un privilegio soltanto per il 6% dei cittadini.

Secondo lo studio, la velocità di connessione influisce anche sul tempo che si trascorre online: più rapida è la connessione, più tempo si passa a navigare. Questo schema vale anche in altri paesi come l’Italia, la Francia, la Gran Bretagna e l’Australia.

04 Aprile 2011