Ricerca su reti ottiche, intesa con Fondazione Polimi

ALCATEL-LUCENT

Alcatel-Lucent e Fondazione Politecnico di Milano hanno siglato un accordo triennale per attività di ricerca e sviluppo nell’ambito delle tecnologie di comunicazione ottica. La collaborazione, che coinvolgerà una ventina di ricercatori del Politecnico, riguarderà le reti fotoniche di accesso, metropolitane e di aggregazione di nuova generazione, con un focus sul miglioramento dell’efficienza spettrale nell’utilizzo delle fibre ottiche e dell’efficienza energetica. Nei programmi di sviluppo strategico rientrano progetti di ricerca volti a migliorare le tecnologie Fttx, di grande attualità in tutto il mondo, Italia compresa.

Continua così la proficua collaborazione tra uno dei principali atenei europei e la multinazionale delle comunicazioni, che a Vimercate ha la sede mondiale delle attività per le tecnologie ed i prodotti di comunicazione ottica. Al 2009 infatti risale un precedente accordo – con focus sulle tecnologie di trasmissione a 100 Gbit/s, sulle reti metropolitane in Wdm e sulle reti multi servizio – che ha portato al conseguimento di importanti brevetti.

La collaborazione con il Politecnico di Milano, rafforzata da questo nuovo accordo con la Fondazione, risponde agli obiettivi di Alcatel-Lucent di mantenere la leadership nella ricerca tecnologica nel settore che tradizionalmente ha visto il primato dell’azienda, come di recente testimoniato nei fatti con la tecnologia 100G in ottica coerente e con gli sviluppi Pics (Photonics Integrated Circuits) in ambito fotonico, realizzati nei laboratori italiani. Il Politecnico di Milano, anche grazie alle collaborazioni e agli scambi con i Bell Labs, ribadisce l’importanza di attuare strategie di internazionalizzazione ormai necessarie per attrarre i migliori talenti.

“L’intesa tra Alcatel-Lucent e il nostro ateneo - dichiara Giampio Bracchi, presidente della Fondazione Politecnico di Milano - è di lunga data e caratterizzata, nel suo sviluppo, da diverse iniziative portate avanti con successo anche negli anni scorsi nel campo delle reti ottiche. L’accordo presentato quest’oggi tra Alcatel-Lucent e Fondazione Politecnico di Milano riafferma il valore della collaborazione tra un’azienda internazionale e un’università di ricerca, un connubio importante per attrarre e anche mantenere iniziative qualificate nel nostro territorio. La Lombardia conferma di saper unire gli interessi della ricerca alle aspettative dell’impresa, verso un obiettivo comune di valorizzazione a livello internazionale delle migliori competenze tecnologiche.”






“La collaborazione con la Fondazione e con il Politecnico di Milano si è dimostrata nel tempo una scelta strategica vincente e lo sarà anche per il futuro, a fronte di una competizione tra economie sempre più agguerrita, che sta modificando gli equilibri mondiali” afferma Gianluca Baini, presidente e amministratore delegato di Alcatel-Lucent Italia. “La crisi economica spinge alla ricerca di nuovi modelli di business e di nuove forme di collaborazione e valorizzazione delle eccellenze, che, in ottica ecosistemica, portino valore a tutti i soggetti coinvolti. Alcatel-Lucent, maggior polo di ricerca industriale in Italia nel campo delle telecomunicazioni, promuove questo tipo di visione affinché la ricerca e sviluppo italiana nelle tlc continui ad essere un esempio di valore internazionale”.

04 Aprile 2011