Cellulari, forniture in calo. La ripresa solo nel 2012

PRIMO PIANO

La recessione economica avrà un impatto significativo sulle forniture di cellulari per tutto il 2009: il volume mondiale calerà del 9,1%.  È quanto prevede l’ultimo rapporto Ovum “Mobile phone forecast pack 2008-2014”. La società di consulenza prevede una ripresa a partire dal 2010 anche se bisognerà attendere il 2012 prima che i volumi di forniture raggiungano i livelli registrati nel 2008.

Nello specifico il 2009 vedrà crollare il mercato dei dispositivi di fascia media. "Ciò avrà un effetto polarizzante su tutto il mercato, portando i fornitori e gli operatori di telefonia mobile a concentrarsi su due tipi di telefonino: quelli di fascia bassa e quelli di fascia alta – spiega Adam Leach, analista di Ovum e autore dello studio -. A sua volta questo meccanismo accelererà i processi di sostituzione”.

In un conteso siffatto Ovum prevede che, fino al 2014, le forniture cresceranno con un  tasso di crescita annuale dell’1,9% e raggiungeranno quota 1,4 miliardi, trainate in massima parte dai mercati emergenti dove è forte l’aumento del numero delle connessioni e del mercato delle sostituzioni.
"Il driver secondario sarà infatti la sostituzione delle reti 2G con reti 3G, sopratutto nei mercati maturi dove aumenteranno le forniture di dispositivi  3G (HSPA, TD-SCDMA e 1XEV-DO)”, puntualizza Leach.

Per quanto riguarda i cellulari Lte, infine, Ovum si aspetta di vederli sul mercato non prima del  2012/2013. "I nuovi device verranno lanciati prima in quei mercati dove sono stati ingenti gli investimenti in Lte da parte degli operatori, come il Nord America – conclude l’analista di Ovum -. Tuttavia non morderanno il mercato di massa fino al 2014".

19 Maggio 2009