Smartphone, Nokia tallonata da Apple. Ma la sorpresa è Samsung

SMARTPHONE

Secondo Idc, la casa finlandese guida il mercato globale degli smartphone con il 24,3%, seguita dalla Mela con una quota del 18,7%. In spolvero il produttore coreano, sulle ali di Android

di Paolo Anastasio
Il mercato globale degli smartphone è raddoppiato nell’ultimo anno. Lo rende noto la società di analisi Idc, secondo cui nel primo trimestre del 2011 sono stati venduti 99,6 milioni di smartphone, rispetto ai 55,4 milioni del primo trimestre del 2010. A trainare il mercato Nokia, Apple e Rim (Research in Motion), produttore del Blackberry.

La crescita degli smartphone, secondo Idc, è dovuta all’allargamento dell’offerta, che in un anno si è fatta più ampia, con il lancio di modelli meno costosi, di fascia media e bassa. Gli smartphone, inoltre, rispondono alla domanda sempre più ampia di servizi che vanno al di là della voce. Secondo Idc,

Nokia continua a guidare il mercato grazie a modelli basati su Symbian commercializzati in Europa ed Asia. La casa finlandese detiene una quota globale del 24,3% nel primo trimestre, anche se il primato è in forse, dopo l’accantonamento di Symbian a favore della piattaforma Microsoft Windows Phone 7.

Tanto più che Apple tallona da vicino Nokia, con una quota del 18,7%, avendo commercializzato 18,7 milioni di iPhone nel primo trimestre, rispetto alle 24,2 milioni di unità vendute da Nokia nello stesso periodo.

Detto questo, secondo Idc la vera minaccia per Nokia non è tanto Apple quanto Samsung, che ha messo a segno la crescita più sostentua anno su anno. La quota di mercato di Samsung nel mercato degli smartphone è aumentata del 350% nel primo trimestre, grazie alla gamma di Galaxy basata su Android.

Samsung detiene una quota del 10,8% del mercato, alle spalle di Reasearch In Motion, produttore del Blackberry, che ha una fetta del 14% e prima di Htc (8,9%). “La crescita di Android nell’arena dei sistemi operative mobili ha permesso a diversi produttori di guadagnare quote di mercato in maniera rapida”, dice l’analista di Idc Kevin Restivo”.

09 Maggio 2011