Bernabè: Brasile mercato strategico. In vista Ipo e shopping per Tim

TIM BRASIL

Da Brasilia il presidente di Telecom Italia fa il punto sul mercato sudamericano: nei piani di Tim, lo sbarco alla Borsa di San Paolo e nuove acquisizioni in infrastrutture di rete

di P.A.
"Nei giorni scorsi ho annunciato investimenti per 10 miliardi di pesos in Argentina ma in Brasile abbiamo già investimenti previsti per 8,5 miliardi di reais, quindi una cifra molto importante che va sommata ai 15 miliardi di reais che abbiamo investito sino ad oggi. Per noi di Telecom Italia il Brasile è un'impegno veramente molto rilevante". Lo ha detto a Brasilia all'Ansa il presidente di Telecom Italia, Franco Bernabè a conclusione di una visita di due giorni in Brasile.

"La Tim è oggi in Brasile un'impresa di grande successo che ha recuperato posizioni di mercato in misura notevole e che sta crescendo in termini di clienti e di fatturato - ha fatto il punto Bernabè - Noi come Telecom Italia abbiamo preso una decisione importante che è quella di trasferire la quotazione di Tim dal mercato dove è valutata oggi al Novo Mercado della Bovespa, alla borsa di San Paolo, che è un mercato fra i più avanzati a livelli di governance e quindi per noi è un radicamento forte in Brasile".

La Tim Brasil ha acquistato la Intelig e si prepara adesso a nuovi accordi con imprese, di cui però Bernebè non vuole ancora fare i nomi."Noi pensiamo che Intelig sia stata un'acquisizione importante in un settore, quello infrastrutturale, che è critico per lo sviluppo del sistema di telecomunicazioni mobili in Brasile - ha proeguito Bernabè - Lo sviluppo della nostra presenza anche di tipo infrastrutturale per noi è essenziale. Quindi noi continueremo sia in termini organici sia guardando eventuali opportunità che si presentassero sul mercato".

L'ad di Tim Brasil, Luca Luciani, sarà promosso direttore generale in America Latina? "Il brasiliano è un gruppo manageriale di grande successo - ha concluso Bernabè - Abbiamo costruito sotto la leadership di Luca Luciani un gruppo affiatato, coeso e molto motivato, che è stato quello che ha consentito di rilanciare la presenza in Brasile di Telecom Italia. Quando ci saranno le condizioni vedremo: Luciani ha fatto un buon lavoro e avrà tutto il potenziale di carriera che hanno tutti i manager che hanno fatto un buon lavoro".

13 Maggio 2011