Il chipset non è pronto: niente Lte per l'iPhone5

HARDWARE

La nuova versione del Melafonino, attesa per la prossima estate, non sarà compatibile con lo standard mobile 4G a causa di problemi tecnici. E' quanto afferma l'analista Peter Misek di Jefferies & Co, secondo il quale il modello in arrivo non presenterà innovazioni "rivoluzionarie"

di F.M.
Il nuovo iPhone, il cui lancio è previsto per l’estate, non avrà un supporto Lte ma sarà caratterizzato solo da un “upgrade incrementale”. A dirlo l’analista di Jefferies & Co, Peter Misek, secondo cui quello che molti chiamano iPhone 5, dovrebbe in realtà chiamarsi 4S iPhone, dato che “comprende piccole modifiche cosmetiche, micro-camere migliorate, processore A5 dual-core (lo stesso utilizzato nella iPad 2) e supporto Hspa+.

Misek spiega che “il chipset Qualcomm, che Apple avrebbe utilizzato per Lte, al momento non raggiunge rendimenti sufficienti per essere incluso nell’iPhone 5, ma richiede appunto il lancio del modello 4S”.
Tuttavia, il supporto per tecnologia Hspa+ consentirà al nuovo dispositivo di funzionare con velocità di picco “teorica” di 42 Mb/s.

Misek sottolinea che Apple annuncerà a breve il nuovo operatore che distribuirà il dispositivo. "I nuovi vettori saranno con tutta probabilità Sprint, T-Mobile Usa e China Mobile". L'aggiunta di Sprint e T-Mobile Usa vorrebbe dire che tutti e quattro gli operatori degli Stati Uniti saranno in grado di distribuire il dispositivo. Nel caso di Sprint - un operatore Cdma-based – verrà probabilmente utilizzata la stessa versione Cdma per iPhone lanciata dalla rivale Verizon Wireless all'inizio di quest'anno.

Se così fosse, il lancio di iPhone 4S sarebbe imiterebbe la strategia di roll out già sperimentata da Cupertino: l'iPhone 3G è stato lanciato nel 2008 mentre il 3Gs è stato immesso sul mercato l’anno dopo con processore più veloce.

16 Maggio 2011