Innovazione e crescita, Trento capofila dell'Ict

ETNO

Il 24 giugno la città ospita il workshop internazionale organizzato da Etno. A confronto player di settore, università e istituzioni sui temi caldi delle Tlc. Gambardella: "Un'occasione per discutere di strategie"

di E.L.
Il prossimo 24 giugno si terrà a Trento un workshop internazionale, organizzato da Etno, che riunirà i responsabili dell’industria europea delle telecomunicazioni per discutere di innovazione, di strategie di crescita e sviluppo delle reti. L’evento a porte chiuse è ospitato dalla Provincia Autonoma di Trento ed è realizzato con il supporto del Financial Times e di Informatica Trentina.

Al workshop è prevista la partecipazione di circa 100 rappresentanti di altrettante imprese di settore europee e internazionali, di istituzioni nazionali ed europee e del mondo accademico. Tra le imprese partecipanti spiccano: Alcatel Lucent, AT&T, Avaya, Belgacom, BT, Cisco, Deutsche Telekom, Eircom, Ericsson, France Telecom - Orange, Informatica Trentina, KPN, Magyar Telekom, Microsoft, Nokia Siemens Networks, Portugal Telecom, Swisscom, Telecom Italia, Telefonica, Telekom Austria , Telenor, Türk Telekom, Verizon. A rappresentare gli atenei e le società di analisi ci saranno la London School of economics, Mc Kinsey, Politecnico di Milano, Università di Roma Tor vergata e Università di Trento. È prevista infine la partecipazione della Commissione europea, Parlamento europeo, European Investment Bank, Agcom.

I lavori saranno articolati in due panel presieduti rispettivamente da Jonathan Liebenau e Patrik Kärrberg, professori della London School of Economics. La London School of Economics, inoltre, contribuirà presentando uno studio sullo sviluppo del settore europeo delle comunicazioni elettroniche e i suoi trend futuri.

"L’obiettivo dell’evento di Trento – spiega Luigi Gambardella, Chairman dell’Executive Board di Etno - è quello di avviare una discussione su come gli operatori di telecomunicazioni possono far leva sull’innovazione al fine di migliorare l’offerta dei nuovi servizi. Sarà anche un’occasione per presentare e per discutere con i principali operatori europei il “modello Trento” per lo sviluppo della rete in fibra ottica, considerato una best pratice europea”.

“La scelta di Trento quale sede del Board e della riunione sull'Innovazione nelle reti e servizi –sottolinea Lorenzo Dellai, presidente della Provincia autonoma di Trento – rappresenta il riconoscimento da parte degli operatori europei verso un territorio ed una comunità che hanno fatto dell’innovazione la propria sfida strategica. La dorsale di fibra ottica di 800 chilometri in via di realizzazione e l’intesa con Telecom Italia per un’ infrastruttura Ngn a servizio di 150 mila abitazioni sono solo le prime risposte ad una domanda crescente di connettività e di servizi”.

30 Maggio 2011