Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

REGOLE & INTERNET

Bagarini online, giro di vite Agcom. Multe fino a 180mila euro

Avviate verifiche sul secondary ticketing dopo gli esposti degli operatori del settore. Sul mercato “parallelo” biglietti di eventi disponibili, ma a prezzi maggiorati anche di 15 volte

08 Mag 2019

L. O.

Giro di vite di Agcom al secondary ticketing, il mercato dei “bagarini” online più volte nell’occhio del ciclone. L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, a seguito di esposti pervenuti da operatori del settore (organizzatori di eventi di musica, spettacolo, sport e cultura su proprie piattaforme multicanale) sta conducendo una serie di verifiche finalizzate a reprimere le condotte illecite di vendita biglietti nel mercato secondario online, ai sensi della legge 232/16.

Secondo le segnalazioni, su alcuni siti secondari e social, sono in vendita biglietti per l’accesso ai concerti con maggiorazioni fino a 15 volte superiori al prezzo ufficiale. In particolare Assomusica (associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo cui aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l’80% dei concerti in Italia), segnala che su una serie di siti fra cui “Viagogo”, “StubHub” e “MyWayTicket” vengono chiesti ad esempio 960 euro contro i 52 del mercato “ufficiale” per il concerto di Jovanotti.

L’Autorità invita i consumatori a prestare attenzione alle condizioni offerte sui siti di secondary ticketing e a verificare, sui siti di vendita primari, le medesime condizioni, con particolare riguardo al prezzo nominale indicato sul biglietto. Si ricorda, infatti, che la legge vieta sia la vendita online di biglietti da soggetti diversi dai titolari, sia la commercializzazione a prezzi superiori al prezzo nominale e che tali violazioni sono punite con sanzioni amministrative pecuniarie da 5.000 a 180.000 euro, la rimozione dei contenuti illeciti e, nei casi più gravi, con l’oscuramento del sito.

Gli esposti sono arrivati da organizzatori di eventi di musica, spettacolo, sport e cultura su proprie piattaforme multicanale (il cosiddetto mercato primario della commercializzazione online dei biglietti), organizzatori di eventi e associazioni di artisti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agcom
E
e-commerce
S
secondary ticketing

Articolo 1 di 4