Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Alibaba punta al mercato cloud europeo. E battezza due data center in Uk

Sfida a AWS, Microsoft e Google con l’ampliamento dell’attività in area Emea. I due centri si aggiungono a quelli già inaugurati a Francoforte e Dubai. La scelta del Regno Unito non è casuale: il business cinese Oltremanica è in forte espansione

22 Ott 2018

Patrizia Licata

giornalista

Lo stallo dei negoziati sulla Brexit non ha fermato le strategie di Alibaba che ha scelto proprio la Gran Bretagna come sede dei due nuovi data center con cui sosterrà l’espansione delle sue attività cloud in Europa. Le due nuove strutture a Londra sono i primi data center istituiti  in Uk per il colosso tecnologico cinese, big dell’e-commerce ma in forte crescita anche sui servizi sulla nuvola, dove fa concorrenza a Amazon e Microsoft. I data center garantiranno ai clienti aziendali di Alibaba in tutta Europa supporto su software e sicurezza 24 ore su 24 e monitoraggio in tempo reale.

Un portavoce di Alibaba Cloud sentito da Cnbc ha detto che l’apertura dei data center in Uk è parte della strategia di ampliamento delle attività della divisione cloud del gruppo in Europa, Medio oriente e Africa, la cosiddetta area Emea. “Come parte del nostro impegno a proseguire nell’espansione in Europa e in tutta l’Emea stiamo inaugurando due zone di disponibilità in Uk che si uniscono a quelle già esistenti a Francoforte e a Dubai“, ha dichiarato il portavoce. “La nostra decisione sulla location si lega alla rapida crescita della domanda dei clienti in Regno Unito”.

Tra i clienti Uk di Alibaba ci sono l’azienda del software britannica SDL e il gruppo dei media Ascential. I data center di Londra offriranno prodotti come l’elastic computing, che permette di gestire i picchi di domanda sulla rete, e servizi di storage, network, applicazioni e analisi dei Big data.

Alibaba ha indicato che il vantaggio di avere due data center nella stessa location è di consentire di recuperare o preservare l’infrastruttura It chiave anche in caso di disastro. “Il Regno  Unito è uno dei mercati europei di Alibaba Cloud che cresce di più e molti dei nostri clienti operano in settori verticali come finanza, retail, media, istruzione e ricerca, e logistica”, ha dichiarato l’azienda.

Con l’aggiunta delle due infrastrutture di Londra, la divisione cloud di Alibaba conta ora 52 data center in 19 regioni e ha in progetto di proseguire l’espansione, dando del filo da torcere alle aziende rivali. Secondo Synergy Research Group, Alibaba nel primo trimestre del 2018 ha superato Ibm diventando il quarto maggior provider mondiale di infrastruttura e servizi cloud dopo AWS (leader ancora incontrastata con circa il 40% di share), Microsoft (sotto il 30%) e Google (intorno al 5%).

Molti clienti di Alibaba sono aziende cinesi che si espandono all’estero, sottolinea Synergy, ma non mancano i clienti europei: il sito di Alibaba cita tra gli altri Nestle, Philips, Sap e Schneider Electric. “Questo è un gioco che si basa sulle grandi scale e per diventare un big del mercato occorrono investimenti continui uniti a presenza e brand globali“, ha sottolineato il report della società di ricerche.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Alibaba
A
amazon
A
Aws
C
Cloud
M
Microsoft

Articolo 1 di 4