Deutsche Telekom lancia una challenge internazionale: esiste un'alternativa al wi-fi domestico? - CorCom

IL BANDO

Deutsche Telekom lancia una challenge internazionale: esiste un’alternativa al wi-fi domestico?

In campo i T-Labs, i laboratori di ricerca e sviluppo della telco tedesca: si cercano scienziati ed esperti con idee innovative per l’evoluzione della rete wireless

13 Gen 2021

Veronica Balocco

T-Labs, l’unità di ricerca e sviluppo di Deutsche Telekom, lancia il concorso scientifico internazionale “Telekom Challenge”, per dare forma alle reti domestiche del futuro.
“Siamo eccitati all’idea di stimolare approcci innovativi per la distribuzione sicura dei dati nelle reti domestiche – spiega Claudia Nemat, membro del consiglio di Deutsche Telekom per la tecnologia e l’innovazione -. Dai tessuti moderni ai nuovi router o alle tecnologie wireless alternative, possiamo immaginare molte cose. Con la “Telekom Challenge”, ci rivolgiamo alle menti più brillanti della comunità di ricerca nazionale e internazionale, sia nelle università sia nei centri di ricerca o nell’ambiente aziendale e delle startup”.

Due premi: uno per la ricerca, uno per lo sviluppo

La sfida verrà lanciata il 15 gennaio e comprende due attività per le quali scienziati ed esperti di tutto il mondo possono presentare soluzioni.

WHITEPAPER
Come raggiungere il successo? Investimenti in tecnologia, resilienza e nuovi processi
Digital Transformation

La prima riguarda il cosiddetto “flusso di ricerca”, per il quale T-Labs è alla ricerca di articoli scientifici con idee sulla prossima generazione di distribuzione dei dati nelle reti domestiche. La domanda di fondo è: quale potrebbe essere un’alternativa al wi-fi?
Il cosiddetto “flusso di sviluppo” sta invece cercando miglioramenti misurabili sotto forma di proof of concept tecnico (PoC) che affrontino la domanda: come può essere garantita la distribuzione sicura dei dati nelle reti domestiche?

Sicurezza e protezione dei dati al centro

La giuria, presieduta da Alexander Lautz, capo di T-Labs, vanta competenze in una varietà di discipline. Tra i membri esterni vi è anche Claudia Eckert, direttore dell’Istituto Fraunhofer per la sicurezza applicata e integrata e titolare della cattedra di Sicurezza informatica presso la facoltà di Scienze informatiche dell’Università tecnica di Monaco.

“Con l’aumentare del livello di digitalizzazione, la sicurezza dei propri dati e la protezione della privacy stanno diventando sempre più importanti – afferma la professoressa Eckert -. Ma anche la protezione contro la manipolazione dei dati che porta a comportamenti scorretti e quindi consente agli hacker di accedere ai sistemi, ad esempio, sta diventando sempre più importante. Tuttavia, soprattutto nelle reti domestiche, entrambi gli aspetti sono spesso ancora molto sottovalutati dagli utenti. Ecco perché accolgo con grande favore l’appello di Telekom Challenge per soluzioni e architetture innovative che aiuteranno a proteggere gli utenti nel loro ambiente domestico a lungo termine. Ci auguriamo che molte proposte interessanti e innovative”.

Candidature entro il 15 marzo

Chiunque sia interessato può presentare la propria candidatura come breve proposta entro il 15 marzo su www.telekom-challenge.com. Saranno selezionati dieci finalisti per ogni flusso dalle soluzioni proposte.
I venti finalisti scelti avranno tempo da aprile a fine agosto per approfondire le loro idee. Riceveranno un sussidio per la partecipazione per un totale di 25mila euro al flusso di sviluppo e 2mila euro al flusso di ricerca. La cerimonia di premiazione si svolgerà a settembre: il vincitore del flusso di sviluppo riceverà 150mila euro, quello di ricerca 75mila euro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA