Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

i-Faber, utili in crescita nel 2008. Trend positivo nel I trimestre ’09

Nel 2008 i ricavi sono aumentati del 35%. Nei primi tre mesi del 2009 la società del gruppo Unicredit ha fatto registrare ricavi in aumento del 40%.

28 Mag 2009

Chiusura d’anno e primo trimestre in forte crescita per i-Faber.
La società del gruppo Unicredit ha registrato ricavi consolidati
in crescita del 35% nel 2008 a fronte di un volume di transazioni
gestite pari a oltre 1,7 miliardi di euro in crescita anch’esse
sul 2007 (+14%). Sale così a 7,3 miliardi di euro il controvalore
di transazioni effettuate dalla nascita della società – 2002 –
(per oltre 18.600 negoziazioni) che, a oggi, può contare su oltre
580 aziende clienti di medie e grandi dimensioni registrate: oltre
130 nuove aziende acquirenti nel 2008 e quasi 7.000 nuove
fornitrici (per un totale complessivo di oltre 18.000).

In forte crescita anche Ebitda a 3,9 milioni di euro e Ebit pari
3,1 milioni di euro. La società ha inoltre deliberato la
distribuzione di un dividendo.

Anche i dati del primo trimestre 2009 riconfermano il trend
positivo. Nei primi tre mesi dell’anno si registrano oltre 450
milioni di transato (in aumento di quasi il 35% rispetto al
corrispondente periodo 2008) con ricavi consolidati in crescita di
circa il 40%. Tale dato assume particolare rilievo in un contesto
di mercato critico, anche a livello di settore.

Più in generale i dati riflettono un aumento dei servizi e le
soluzioni web-based per la gestione degli approvvigionamenti che
garantiscono, nel dettaglio, risparmio medio sulle negoziazioni del
12%; un abbattimento dei tempi di negoziazione fino all’80%;
l’allargamento della base fornitori di circa il 30%; un risparmio
da 50 a 80 euro per ogni ordine emesso nell’ambito del proprio
ciclo passivo (dall’ordine alla fatturazione.) una maggior
trasparenza negoziale verso fornitori e clienti interni.

“Siamo molto orgogliosi di questi risultati che confermano
l’efficacia ed il valore  dei servizi che eroghiamo in oltre 20
paesi a beneficio dei nostri Clienti, soluzioni avanzate per
razionalizzare costi e processi: nel 2008 abbiamo incrementato in
maniera importante i servizi offerti al mondo delle imprese,
consolidando inoltre  la nostra presenza all’estero – spiega
Paolo Chiaverini, Amministratore delegato di i-Faber -. La forte
crescita del numero di società clienti e del controvalore transato
dimostrano l’importanza dell’e-procurement, soprattutto in
questo momento di crisi a livello mondiale, consentendo così a
manager e aziende appartenenti a tutti i settori merceologici,
un’importante ottimizzazione dei processi produttivi, partendo
dagli acquisti, fino al monitoraggio e all’analisi della
spesa.”

A crescere anche i servizi offerti per il mondo della Pubblica
amministrazione. Realtivamente alla PA infatti i-Faber ha chiuso un
accordo con Consip che consente di gestire tutto il processo di
approvvigionamento – dalla pubblicazione del bando di gara, fino
all’invio dell’ordine – in conformità alle normative che
regolano gli acquisti per gli enti pubblici. In particolare, la
piattaforma gestita da Consip con il supporto di i-Faber permette
di sperimentare, per la prima volta in Italia, l’Accordo Quadro,
previsto dal Codice degli Appalti Pubblici, che Consip può
sottoscrivere con gli operatori economici, in qualità di stazione
appaltante a favore di altre PA.

Tra i successi del 2008 è da annoverarsi inoltre l’acquisizione
di Joinet, società bolognese attiva nel settore delle soluzioni
internet on demand per la gestione delle catene di fornitura.