Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’EVENTO

Leonardo porta a Napoli l’Innovation day: focus su roboetica e Big data

Autorità, accademici e ricercatori a confronto sulle possibilità offerte dalle nuove tecnologie. L’Ad Alessandro Profumo: “Questa è una contaminazione positiva”. Il presidente Gianni De Gennaro: “Innovare è la migliore assicurazione per il futuro”

28 Nov 2018

A. S.

“Per innovare significa soprattutto mettere a fattor comune risorse e creatività all’interno e all’esterno dell’Azienda in una sorta di ‘contaminazione’ positiva: verso l’esterno, in un’ottica di collaborazione con il mondo della ricerca scientifica e la filiera produttiva. E al nostro interno, condividendo idee, competenze, e capacità del Gruppo, per offrire ai nostri clienti soluzioni ad alto contenuto tecnologico, integrate e innovative. È questa la chiave vincente per favorire il progresso tecnologico, la competitività e la crescita, non

soltanto di Leonardo, ma anche dei territori e delle comunità in cui operiamo”. Lo ha detto Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo, intervenendo all’Innovation Day dell’azienda in corso alla Città della Scienza di Napoli: un’iniziativa nata per creare un’occasione di incontro e di confronto tra autorità, accademici e ricercatori sul tema dell’innovazione tecnologica e dei suoi effetti su economia, lavoro e vita quotidiana. Proprio con questo spirito è stata organizzata la tavola rotonda iniziale, “innovazione per contaminazione”, a cui ha preso parte anche il ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti.

Due gli approfondimenti sulle nuove frontiere della tecnologia: il primo dedicato alla Roboetica, ossia agli impatti etici e sociali connessi alla robotica, il secondo a Big Data Analytics, Algoritmi e Intelligenza Artificiale.

Al termine della mattinata si è svolta la consegna del Premio Innovazione Leonardo, la competizione che da quindici anni coinvolge i dipendenti del Gruppo e dal 2015 gli universitari. Tra i vincitori, il progetto presentato dalla Divisione Velivoli di Pomigliano d’Arco (Napoli), relativo ad un innovativo studio sulla protezione delle parti strutturali dei velivoli dai processi di ossidazione.

“Leonardo è un grande gruppo industriale che concorre con le proprie tecnologie a garantire la sicurezza dei cittadini, che confida nella ricerca, che vuole essere riconosciuta come un incubatore di idee innovative e che si impegna a valorizzare quei territori e quelle risorse che producono idee – afferma il presidente dell’azienda, Giovanni De Gennaro – L’evento di oggi è un modo per rimarcare il ruolo di incubatore di idee innovative che l’Azienda rappresenta. In Leonardo dobbiamo essere aperti ed accoglienti, dobbiamo distinguerci, farci riconoscere, dobbiamo attrarre talenti, dobbiamo sapere ascoltare, come ci insegna il ‘Genio Universale’ da cui abbiamo tratto il nostro brand. E non c’è alternativa – conclude De Gennaro – perché l’innovazione è la miglior assicurazione che possiamo stipulare per un futuro che sia all’altezza del nostro passato”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3