Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ANTEPRIMA CORCOM

Scorporo rete Tim, pronta l’analisi Agcom

Secondo quanto risulta a Corcom il Consiglio dell’Authority in calendario domani pomeriggio si prepara ad avviare formalmente la consultazione sull base dello shema derivamte dall’analisi di mercato dei servizi di accesso alla rete fissa in cui è confluito anche il progetto di spin off

18 Dic 2018

Mila Fiordalisi

Direttore

È fissato a domani pomeriggio l’ultimo Consiglio di Agcom. Un Consiglio importante perché l’Authority, a meno di rinvii dell’ultim’ora, dovrebbe ufficialmente dare il via alla consultazione sulla base dello schema frutto dell’analisi di mercato dei servizi di accesso alla rete fissa. Analisi in cui è confluita anche la valutazione dello scorporo della rete Tim. L’ordine del giorno è il seguente: “Analisi coordinata dei mercati dei servizi di accesso alla rete fissa ai sensi dell’articolo 50 ter, prosecuzione dell’esame”. Ma secondo quanto risulta a Corcom la prosecuzione dell’esame è solo un pro-forma, ossia si punterebbe alla chiusura dei lavori veri e propri dell’analisi e all’avvio della consultazione per non allungare troppo i tempi anche in vista delle festività natalizie.

La consultazione dovrebbe avere una durata una trentina di giorni, tempo tecnico concesso agli operatori e agli altri soggetti interessati per sottoporre le proprie valutazioni. Dopodiché si procederà con l’esame per arrivare alla valutazione finale dell’Authority.

Lo scorso mese di giugno il Consiglio dell’Autorità ha ritenuto che il progetto di separazione legale della rete di accesso “possegga i requisiti di ammissibilità (in relazione alla non manifesta irragionevolezza) richiesti dal Berec per l’avvio della procedura di analisi di mercato coordinata prevista dall’art. 50 ter del Codice delle comunicazioni elettroniche”. E a ottobre il presidente Agcom Marcello Cardani, in audizione alla commissione Lavori pubblici del Senato, ha annunciato che entro la fine di quest’anno sarebbe stata avviata la consultazione “con le imprese interessate al quarto ciclo di analisi dei mercati dei servizi di accesso all’ingrosso in postazione fissa”, nell’ambito della quale verrà valutata “anche la proposta volontaria di Tim relativa alla separazione legale della rete di accesso e, in particolare, l’idoneità della stessa a migliorare le condizioni di concorrenza”.

L’analisi, aveva annunciato Cardani, “terrà conto dei futuri investimenti nella realizzazione delle infrastrutture e dello sviluppo del mercato dei servizi di accesso all’ingrosso e al dettaglio” precisando che “allo stato attuale, e in prospettiva, l’apparato regolamentare vigente non debba venir meno, bensì essere aggiornato nell’ottica di massimizzare il benessere dei consumatori, di migliorare ulteriormente le condizioni concorrenziali e di sostenere investimenti efficienti in reti di nuova generazione”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5