Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Spotify “trasloca” sul cloud di Google

Mountain View ospiterà sui propri server l’intero catalogo della music company. Battuta la concorrenza di Amazon e Microsoft

24 Feb 2016

Il cloud di Google per la musica di Spotify. La società di streaming musicale ha annunciato, tramite un post sul proprio blog ufficiale, di aver scelto la piattaforma Google Cloud Platform come infrastruttura partner per i propri servizi. “Un grande accordo”, si legge sul sito, che testimonia la crescente fiducia della music company nella qualità e nella maturità raggiunta dai servizi sulla nuvola.

La scelta di un colosso come Google, che ha battuto la concorrenza di Amazon Web Services, dove alcuni servizi di Spotify erano ospitati, e di Microsoft Azure, dovrebbe far dormire sogni tranquilli a Spotify, che recentemente ha anche annunciato l’avvio di servizi video mobile. La società di streaming, che deve anche difendersi dall’agguerrita concorrenza di Apple Music, traslocherà dunque tutto il proprio catalogo sul cloud di Google.

Finora i server venivano acquistati o presi in affitto da diversi provider, man mano che aumentavano i volumi da gestire: una soluzione che evidentemente non si adatta più ai ritmi di crescita di Spotify, che dopo tanto vagare sembra aver trovato una fissa dimora sulle nuvole di Google.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Cloud
G
google
M
musica
S
spotify